"A scuola vaccinati"

Il sito regionale di informazione sulle vaccinazioni per bambini e adolescenti necessarie per l'iscrizione a scuola

In questo sito, nato con la legge regionale del 2016 sull'obbligo vaccinale nei nidi e poi allineato ai contenuti della legge nazionale che ha ampliato e rafforzato la legge regionale, vengono fornite informazioni sulle vaccinazioni obbligatorie, sulle malattie infettive, sul calendario vaccinale, e viene spiegato cosa va fatto per mettersi in regola con l'anno scolastico 2017-2018.

Sempre online, medici ed esperti spiegano in alcuni video l’importanza delle vaccinazioni. Sul sito, infatti, si risponde a dubbi e domande. A partire da: perché vaccinare? E lo si fa ricordando come le vaccinazioni siano tra gli strumenti più efficaci a difesa della salute: infatti, hanno consentito di debellare malattie gravissime - come il vaiolo - e di ridurre notevolmente la diffusione di patologie infettive come la pertosse o il morbillo. Malattie molto comuni, fino a non molti anni fa, nell’infanzia, gravate da complicanze a volte gravissime e che, negli ultimi anni, parallelamente al calo delle coperture vaccinali, stanno di nuovo aumentando.

Informazioni anche su ER Salute nell'area dedicata alle vaccinazioni pediatriche: "Vaccinazioni per bambini e adolescenti"

Cosa prevedeva la legge regionale sui nidi

Con l'articolo 6 della legge regionale n. 19 del 25 novembre 2016, la Regione Emilia-Romagna già aveva disposto, per poter frequentare gli asili nido, che i bambini debbano essere vaccinati con le vaccinazioni obbligatorie.

Tale requisito d’accesso era stato introdotto perché i bimbi che frequentano comunità hanno un maggior rischio di contrarre malattie infettive, rischio che aumenta notevolmente in presenza di basse coperture vaccinali, dal momento che virus e batteri circolano maggiormente.

Dunque, è importante vaccinare per proteggere tutti i bambini (in forza della cosiddetta “immunità di gregge”, o herd immunity), a maggior ragione i più deboli (immunodepressi, con gravi patologie croniche, con tumori): per loro l’unica possibilità di frequentare la collettività è che tutti gli altri siano vaccinati.

Cosa cambia con la legge approvata dal Parlamento

La legge sulle vaccinazioni approvata dal Parlamento (legge 119/2017) conferma e rafforza la legge che l'Emilia-Romagna si era data nel 2016 sugli obblighi vaccinali. La legge nazionale estende da 4 a 10 le vaccinazioni obbligatorie previste per l'iscrizione a scuola: tali vaccinazioni riguardano i bambini/ragazzi da 0 a 16 anni.

Finora erano obbligatorie:

  • difterite,
  • tetano,
  • polio
  • epatite B

Ora si aggiungono:

  • pertosse,
  • emofilo di tipo B,
  • morbillo,
  • rosolia,
  • parotite
  • varicella (quest’ultima è obbligatoria solo per i nati dall’1 gennaio 2017).

Nella conversione in legge del decreto del Governo non sono più obbligatorie meningococco B e meningococco C, che saranno ora ad offerta attiva e gratuita da parte delle Aziende Usl (significa che sono le Aziende Usl a chiamare i cittadini per fare queste specifiche vaccinazioni).

Tutte le 10 vaccinazioni ora obbligatorie sono gratuite perché già inserite nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (LEA).

Il calendario pediatrico vaccinale in Emilia-Romagna dall'1 gennaio 2017

Azioni sul documento
Pubblicato il 18/05/2017 — ultima modifica 20/10/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali