Antibiotici. È un peccato usarli male: efficaci se necessari, dannosi se ne abusi

Campagna informativa della Regione Emilia-Romagna per favorire un uso corretto e appropriato degli antibiotici

In occasione della Giornata europea degli antibiotici, che quest'anno ricorre lunedì 18 novembre 2019,  la Regione Emilia-Romagna lancia la campagna per favorirne l'uso corretto con lo slogan: “Antibiotici. E’ un peccato usarli male: efficaci se necessari, dannosi se ne abusi”


L'uso eccessivo di antibiotici rende i microbi resistenti e riduce, nel tempo, l'efficacia di questi farmaci.  La resistenza dei batteri agli antibiotici è un reale problema di sanità pubblica, come testimoniato dai dati epidemiologici a livello nazionale e internazionale, perché favorisce il diffondersi di germi ancora più resistenti agli antibiotici e sempre più difficili da contrastare.

Nel caso di alcune infezioni comuni come raffreddore e influenza, gli antibiotici non servono;  la soluzione migliore è aspettare che l’infezione faccia il suo decorso naturale, usando solo rimedi per alleviare i sintomi.

L’invito rivolto ai cittadini è di lasciare che sia il medico a decidere se gli antibiotici servono oppure no. 

In ogni caso, non utilizzare mai antibiotici senza prima aver consultato il proprio medico di famiglia o pediatra di fiducia.

    

La campagna si concentra inoltre sulle buone abitudini da seguire per ridurre le infezioni, in particolare nei bambini: “Che la forza sia con te” è un altro messaggio che invita a seguire tre raccomandazioni: “meglio allattare al seno”, “niente fumo”, “acqua e sapone per lavarsi le mani”.
 

Vai alla pagina con i materiali informativi  

 

 

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/11/2017 — ultima modifica 15/11/2019
< archiviato sotto: >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali