Giornata di studio "Ospedale per intensità di cura: strumenti per la classificazione dei pazienti" (Bologna, 25 giugno 2012)

Obiettivo dell'incontro: iniziare un percorso di studio per sostenere le Aziende sanitarie coinvolte nella sperimentazione dell’“Ospedale per intensità di cura”, nella eventuale scelta di uno strumento che consenta ai professionisti di intercettare in modo affidabile il livello di intensità/complessità assistenziale dei pazienti presi in carico. L'incontro ha permesso di approfondire la conoscenza di vari strumenti per la classificazione dei pazienti e del relativo impatto clinico-assistenziale, oltre a conoscere le esperienze applicative a livello nazionale.

Programma della giornata

Sessione del mattino

"Sistema informativo della performance infermieristica"
[Stefania Di Mauro, professore associato di Scienze infermieristiche - Università degli studi di Milano "Bicocca"]

"Esperienza applicativa del SIPI nell’Ospedale di Lecco"
[Laura Ferraioli, responsabile infermieristico del Dipartimento area medica - Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco]

"Indice di complessità assistenziale (ICA)"
[Bruno Cavaliere, dirigente del Dipartimento delle professioni sanitarie - IRCCS Azienda Ospedaliero Universitaria San Martino IST, Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova]

"Esperienza applicativa dell’ICA nell’Asl 7 Siena"
[Giovanni Becattini, direttore del Dipartimento infermieristico e ostetrico - Azienda Usl 7 di Siena]

"Indice di Intensità Assistenziale (IIA) ed esperienza applicativa all’Ospedale Niguarda di Milano"
[Giovanna Bollini, direttore Servizio infermieristico e tecnico, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano; Angela Lolli, Direzione infermieristica e tecnica e riabilitazione, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano]

Ospedale Niguarda di Milano: richiesta di ricovero "low care"
[Giovanna Bollini, direttore Servizio infermieristico e tecnico, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano; Angela Lolli, Direzione infermieristica e tecnica e riabilitazione, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano]

Sessione del pomeriggio

"Metodo assistenziale professionalizzante (MAP) - Applicazione del Per.V.In.CA (Percorso di valutazione infermieristica della complessità assistenziale)nell’ambito dell’organizzazione per Intensità e complessità assistenziale"
[Annalisa Silvestro, direttore Servizio assistenziale tecnico-sanitario e riabilitativo (Sater), Azienda Usl di Bologna; Meris Fiamminghi, dirigente area ricerca/innovazione organizzativa, Servizio assistenziale tecnico-sanitario e riabilitativo (Sater), Azienda Usl di Bologna]

"Analisi e valutazione dell'impegno assistenziale"
[Renzo Zanotti, professore associato Scienze infermieristiche - Università degli studi di Padova]

"Esperienza applicativa nell’Asgo (Accertamento dello stato generale del paziente ospedalizzato) dell’Usl 11 Empoli"
[Simonetta Chiappi, direttore Servizio infermieristico e tecnico, Azienda Usl 11 di Empoli]

"Analisi dei sistemi classificatori considerati nel modello per intensità di cure dell’A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo"
[Monica Casati, responsabile Ricerca, formazione e sviluppo, Direzione professioni sanitarie; Simonetta Cesa, direttore Servizio infermieristico e tecnico - Azienda Ospedaliera "Ospedali riuniti" di Bergamo]

"Triage di corridoio (Trico) ed esperienza applicativa nel Policlinico S. Matteo di Pavia"
[Nicoletta Lombardi, responsabile assistenziale Dipartimento oncoematologico, Sitra Irccs Policlinico San Matteo, Pavia; Luigia Scudeller, dirigente medico, Unità di biometria e statistica medica, Direzione scientifica Irccs Policlinico San Matteo, Pavia]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/08/2012 — ultima modifica 08/01/2015
< archiviato sotto: >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali