mercoledì 18.10.2017
caricamento meteo
Sections

Concorso pubblico straordinario per nuove farmacie

Dal 15 al 20 ottobre il terzo interpello dei vincitori del concorso

Inizia domenica 15 ottobre 2017 alle 18 e termina venerdì 20 ottobre alle 18 il terzo interpello dei vincitori del concorso straordinario regionale, la fase concorsuale in cui vengono interpellati per esprimere l’ordine di preferenza sulle sedi disponibili.

I farmacisti in graduatoria non più interessati al concorso sono invitati a comunicare la volontà di rinunciare alla procedura concorsuale, consapevoli che tale rinuncia comporta la esclusione dalla graduatoria e, quindi, che i farmacisti stessi non saranno più interpellati per l’assegnazione delle sedi. Tali rinunce consentiranno di interpellare i farmacisti realmente interessati alle sedi, rendendo così più rapido ed efficace lo svolgimento della procedura concorsuale.
La rinuncia è valida solo se sottoscritta dal referente della candidatura in forma associata o dal farmacista che ha partecipato al concorso singolarmente e deve essere trasmessa, unitamente alla copia di un documento di identità valido, esclusivamente tramite PEC, all'indirizzo di posta elettronica certificata assistenzaterritoriale@postacert.regione.emilia-romagna.it

A tal fine può essere utilizzato il presente modulo
Verranno esclusi dall’interpello i farmacisti che avranno inviato la rinuncia entro la domenica precedente alla data di avvio dell'interpello (entro domenica 8 ottobre).


Chi può partecipare al terzo interpello

Possono partecipare al terzo interpello i vincitori del concorso collocati nella graduatoria approvata con determina n. 9655/2017, pubblicata sul BURERT n. 169 del 20 giugno 2017, dalla posizione 313° alla posizione 421°.
Potranno essere interessate all'interpello anche le posizioni successive alla 421°, qualora vi siano rinunce entro domenica 8 ottobre.

Due giorni prima dell’inizio della procedura di interpello, venerdì 13 ottobre 2017, sarà inviata alla casella PEC del vincitore (titolare della candidatura singola, o referente della candidatura in forma associata) un avviso con le indicazioni relative alla procedura da seguire per la scelta delle sedi.
L’interpello dei candidati si svolge collegandosi alla piattaforma web ministeriale.

Le 109 sedi di farmacie oggetto del terzo interpello

Con determina n. 14952 del 25 settembre 2017 della direttrice generale Cura della persona, salute e welfare della Regione Emilia-Romagna sono state individuate le 109 sedi di farmacie disponibili per il terzo interpello.
Si tratta delle sedi non assegnate nel corso del secondo interpello (che si è svolto nel gennaio del 2017), delle sedi assegnate nel secondo interpello ma non aperte entro il termine di 180 giorni previsto dal bando e di quattro sedi resesi disponibili in seguito alle scelte effettuate dai vincitori del concorso.

· Elenco sedi di farmacie disponibili per il terzo interpello (allegato B, determina n. 14952/2017)

Nell'allegato sono evidenziate le sedi non di nuova istituzione, già aperte in passato, soggette a possibile pagamento dell’indennità di avviamento e dell'indennità necessaria per rilevare arredi, medicinali, provviste e dotazioni, secondo le indicazioni contenute nella delibera di Giunta regionale n. 1350 del 2017.

Ogni informazione relativa alle sedi deve essere richiesta ai rispettivi Comuni. E' necessario rivolgersi direttamente ai Comuni anche per informazioni su eventuali ricorsi che pendono sui provvedimenti di individuazione delle sedi effettuata dagli stessi. Con l'entrata in vigore della legge regionale n. 2/2016 i Comuni e, ove previsto, le Unioni di Comuni del territorio regionale, hanno adottato le nuove piante organiche delle farmacie. Gli estremi dei provvedimenti di adozione sono indicati nell'elenco delle sedi disponibili per il terzo interpello.


Informazioni utili per l'interpello

Per le fasi di interpello e successiva accettazione, i candidati (il referente in caso di candidatura in forma associata) dovranno collegarsi alla piattaforma web ministeriale.
Tutti gli interessati sono tenuti a verificare fin d'ora:

  • il corretto funzionamento dell'indirizzo PEC attualmente inserito nella piattaforma e sul quale saranno inviati tutti gli avvisi relativi al secondo interpello e alla seguente fase di accettazione;
  • di avere le credenziali di accesso - "codice utente" e "password" - ricevute per partecipare al concorso, necessarie anche per le fasi di interpello e accettazione (solo il referente della candidatura in caso di domanda in forma associata).

All'interno della piattaforma web ministeriale, nella pagina relativa all’Emilia-Romagna (sulla cartina in alto a sinistra occorre cliccare sull’immagine corrispondente alla regione) sono pubblicate due "demo" con le istruzioni per i candidati:

  • selezionando il pulsante "Scarica demo scelta sedi-accettazione", si apre una simulazione della scelta delle sedi e della successiva accettazione o rinuncia della sede assegnata;
  • selezionando il pulsante "Scarica demo PEC" si accede a tutte le informazioni per effettuare eventualmente il cambio del proprio indirizzo PEC (solo il referente della candidatura in caso di domanda in forma associata).

Attenzione: i referenti delle candidature presentate in forma associata possono effettuare il cambio PEC direttamente nella piattaforma, come sopra descritto. La funzionalità di cambio PEC in piattaforma non è sempre abilitata per gli associati i quali sono tenuti a comunicare l'indirizzo PEC valido, se diverso da quello indicato nella domanda di partecipazione, al seguente indirizzo di posta elettronica: concorsofarmacie@regione.emilia-romagna.it
Si avvisa fin da ora che i provvedimenti di assegnazione delle sedi di farmacie saranno notificati all'indirizzo PEC comunicato (sia al referente che agli associati in caso di candidatura presentata in forma associata) e, in caso di mancata comunicazione di un indirizzo PEC valido e funzionante, saranno ritenuti validamente notificati con la pubblicazione del provvedimento di assegnazione della sede sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT).

Interpelli successivi - Dopo la conclusione della procedura di terzo interpello si procederà con i successivi interpelli con modalità e tempi che saranno indicati in questa pagina.

Sono 76 le farmacie attualmente aperte dopo i primi due interpelli

Le farmacie effettivamente aperte a seguito dei primi due interpelli sono 76:

I vincitori del concorso che sono risultati assegnatari di sedi di farmacie dopo il secondo interpello, ma non hanno aperto la farmacia entro il termine previsto, sono decaduti dall'assegnazione ed esclusi dalla graduatoria con determina n. 14952/2017:

La graduatoria dei candidati

Dopo ulteriori controlli sulle dichiarazioni rese dai partecipanti al concorso straordinario, è stata approvata la terza rettifica della graduatoria dei candidati all'assegnazione di nuove farmacie. La rettifica interessa i farmacisti dalla posizione n. 371 in avanti della graduatoria precedente: per 3 candidature è stato rideterminato il punteggio, mentre 6 candidature sono state escluse dal concorso.

Il nuovo elenco è stato approvato con determina della direttrice generale Cura della Persona, Salute e Welfare della Regione Emilia-Romagna n. 9655 del 16 giugno 2017 ed è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, Burert n. 169 del del 20 giugno 2017 (parte terza).

Per una più agevole consultazione, la graduatoria è disponibile sia per posizione, sia per cognome:


La Legge di conversione del Decreto Milleproroghe (Legge 19/2017) ha prorogato la validità della graduatoria del concorso straordinario fino al termine di 6 anni dal primo interpello: questo significa che la graduatoria potrà essere utilizzata per i prossimi interpelli (fino al 2022 se fosse necessario).

Altri documenti:

Criteri commissione giudicatrice

Fac simile modulo per la richiesta di accesso agli atti

 

Candidature in forma associata: la titolarità della farmacia ai singoli farmacisti

Le delibere di Giunta regionale n. 2083/2015 e n. 634/2016 chiariscono che:
- in caso di partecipazione al concorso in forma associata la titolarità della farmacia viene riconosciuta ai singoli farmacisti, quindi alle persone fisiche, non alla società eventualmente costituita per la gestione della farmacia;
- l’assegnazione della sede è strettamente personale e non può essere ceduta o trasferita ad altri per dieci anni decorrenti dalla comunicazione dell’assegnazione stessa (salvo il caso di morte o sopravvenuta incapacità di uno dei co-assegnatari);
- è vietato il cumulo di due o più autorizzazioni in una sola persona, quindi ciascuno dei singoli partecipanti non potrà cedere o trasferire ad altri la propria quota di autorizzazione, né potrà essere titolare pro quota o per intero di altre autorizzazioni, a pena di decadenza dell’intera autorizzazione nei confronti anche di tutti gli altri componenti il gruppo;
- il rispetto del divieto di cumulo di due o più titolarità di farmacia è rilevato dal Comune al momento della verifica dell’insussistenza di cause di incompatibilità, necessaria per il riconoscimento della titolarità delle farmacie ai sensi dell’Art. 10 della LR 2/2016;
- nei 180 giorni successivi alla notifica dell’avvenuta assegnazione della sede, per poter ottenere dal Comune l’autorizzazione all’apertura e all’esercizio della farmacia, i farmacisti assegnatari dovranno rimuovere le eventuali situazioni di incompatibilità sussistenti e, diversamente, decadranno dall’assegnazione;
- in qualunque momento successivo all’assegnazione della sede emerga il cumulo di due o più titolarità di farmacia in capo a un assegnatario, l’assegnatario stesso – e i co-assegnatari della medesima sede in caso di partecipazione in gruppo – decadono dall’assegnazione della sede data con il presente concorso.

NOTA - Si informa che per effetto dell'art. 1 comma 163 della legge n. 124 del 4 agosto 2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), si è ridotto a tre anni (dalla data di autorizzazione all'apertura della farmacia) il vincolo per i vincitori del concorso a mantenere la gestione associata.

Informazioni importanti

Iscrizione all'Ordine dei farmacisti
L'iscrizione all'Ordine dei farmacisti è requisito necessario:
• al momento della presentazione della domanda
• al momento di presentare la richiesta di autorizzazione per l'apertura della farmacia all'autorità competente (ossia, entro i 180 giorni successivi all'assegnazione della farmacia)

Non è necessaria l'iscrizione all'Ordine dei farmacisti tra questi due momenti.

Comunicazioni e aggiornamenti: la propria posta PEC e E-R Salute

I candidati sono invitati a verificare costantemente la propria casella di Posta elettronica certificata (PEC): tutte le comunicazioni relative al concorso vengono effettuate tramite PEC, all’indirizzo indicato nella domanda.

Comunicazioni e aggiornamenti sono inseriti inoltre in questa pagina di E-R Salute.

Per informazioni si può inoltre contattare l’Ufficio relazioni con il pubblico della Regione Emilia-Romagna chiamando il numero 800 662200, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00; il lunedì e il giovedì anche dalle 14.30 alle 16.30, oppure inviando una email a: urp@regione.emilia-romagna.it (in quest'ultimo caso, l'indirizzo da utilizzare per l'invio NON deve essere quello di posta certificata).

I candidati possono chiedere informazioni sulle sedi oggetto del concorso (abitanti, servizi presenti nel comune o nella frazione o nella zona) direttamente ai Comuni di ubicazione.

Le richieste di accesso agli atti della procedura concorsuale devono essere inviate via PEC all’indirizzo: assistenzaterritoriale@postacert.regione.emilia-romagna.it utilizzando il presente fac-simile.

 

La piattaforma web del Ministero

La piattaforma web sviluppata dal Ministero della Salute per la presentazione delle domande rimane a disposizione per informazioni sul percorso di assegnazione delle sedi in tutte le Regioni.

headerconcorso.png


La piattaforma web del Ministero

 

 

Per una corretta visualizzazione, si consiglia di impostare il proprio schermo con le seguenti caratteristiche:
- tavolozza dei colori: 32 bit
- area del desktop: 1280 per 800 pixel (o superiore)
- dimensione caratteri: caratteri piccoli

I browser supportati sono MS Internet Explorer 8 (in modalità compatibile) e superiori, Firefox 15 e superiori, Chrome 22 e superiori.


Il concorso

Il concorso è stato indetto in base all'articolo 11 del decreto legge 1/2012, convertito nella legge 27 del 24 marzo 2012 (“Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica, accesso alla titolarità delle farmacie, modifica alla disciplina della somministrazione dei farmaci e altre disposizioni in materia sanitaria”).
Secondo quanto stabilito dalla normativa, i Comuni hanno individuato le zone in cui istituire nuove farmacie, in base alla popolazione residente, mentre alle Regioni è spettato il compito di bandire il concorso straordinario per attribuire la titolarità delle nuove sedi (determina n. 60 dell’8 gennaio 2013).

La fase del primo interpello

Dal 10 al 15 gennaio 2016 si è svolto il primo interpello dei vincitori.
I vincitori interpellati sono stati coloro che si sono collocati nella graduatoria pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna (Burert) n. 174 del 16 luglio 2015 nelle prime 183 posizioni, in quanto 183 le sedi oggetto del primo interpello.

Dal 24 gennaio al 8 febbraio 2016 si è regolarmente svolta la fase della procedura concorsuale di accettazione delle sedi a seguito del primo interpello, nella quale i vincitori del concorso pubblico straordinario per nuove farmacie hanno accettato o rifiutato la sede proposta (la prima sede libera, cioè non proposta ad altri, in base alla graduatoria e alle preferenze indicate).

Con determina n. 7347/2016, pubblicata sul Bollettino ufficiale (Burert) n. 134 del 10 maggio 2016 sono state assegnate le prime 119 farmacie.

La fase del secondo interpello

Dal 8 al 13 gennaio 2017 si è svolto il secondo interpello dei vincitori. I vincitori interpellati sono coloro che si sono collocati nella graduatoria pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna (BURERT) n. 306 del 14 ottobre 2016 dalla posizione 184° alla posizione 312°, in quanto sono state 129 le sedi oggetto del secondo interpello.
Dal 22 gennaio al 6 febbraio 2017 si è regolarmente svolta la fase della procedura concorsuale di accettazione delle sedi a seguito del secondo interpello.
Con determina n. 1992/2017 sono state assegnate 62 farmacie.

I ricorsi giurisdizionali attualmente pendenti contro gli atti del concorso

Il quadro dei ricorsi giurisdizionali attualmente pendenti contro gli atti del concorso è il seguente:

- 7 ricorsi proposti contro la determina n. 1654/2015 di approvazione della graduatoria del concorso. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna), ha rigettato le istanze cautelari, ove richieste, mentre non si è ancora pronunciato nel merito (numero di Registro generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 681/2012, 314/2015, 318/2015, 334/2015, 432/2015, 701/2015, 771/2015).
- 4 ricorsi proposti contro la determina n. 8854/2015 di rettifica della graduatoria del concorso. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna) ha rigettato le istanze cautelari. Un ricorrente ha impugnato davanti al Consiglio di Stato la decisione cautelare del TAR. Per quanto riguarda il merito dei ricorsi, il TAR non si è ancora pronunciato (numero di Registro Generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 814/2015, 868/2015, 913/2015, 991/2015; numero di Registro Generale del ricorso al Consiglio di Stato: 1326/2016).
- 9 ricorsi proposti contro la delibera di Giunta regionale n. 2083/2015. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna) ha rigettato le istanze cautelari, ove richieste, mentre non si è ancora pronunciato nel merito (numero di Registro generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 142/2016, 145/2016, 147/2016, 148/2016, 149/2016, 150/2016, 151/2016, 152/2016, 153/2016). Uno dei 9 ricorrenti ha impugnato davanti al Consiglio di Stato l'ordinanza cautelare di rigetto e anche il Consiglio di Stato ha respinto l'istanza cautelare, confermando pertanto la decisione del TAR (numero di Registro generale 3637/2016).

Con ricorsi per motivi aggiunti sono oggetto di impugnazione anche la delibera di Giunta regionale n. 634/2016, la determina n. 7347/2016 e la determina n. 19852 del 13/12/2016.

Con l'istanza cautelare il ricorrente chiede la sospensione del provvedimento impugnato e il giudice decide in tempi brevi (indicativamente 2 mesi, con la cosiddetta decisione cautelare).

Con il ricorso vero e proprio il ricorrente chiede l'annullamento del provvedimento impugnato e il giudice decide in tempi più lunghi (è la cosiddetta decisione di merito).


Provvedimenti regionali

Determina n. 14952 del 25 settembre 2017: "Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche per il privato esercizio in Emilia-Romagna: individuazione sedi disponibili per il terzo interpello"

Dgr n. 1350/2017: "Disposizioni in materia di indennità di avviamento e di rilievo degli arredi, medicinali, provviste e dotazioni di farmacie che non siano di nuova istituzione (a seguito dell'entrata in vigore della legge regionale 3 marzo 2016, n. 2)"

Determina n. 9655 del 16 giugno 2017: "Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia Romagna, approvata con determinazione n. 15936 del 13 ottobre 2016"

Determina n. 19852 del 13 dicembre 2016: "Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: individuazione delle sedi disponibili per il secondo interpello e determinazioni in ordine agli interpelli successivi al primo"

Determina n. 15936 del 13 ottobre 2016: "Rettifica graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna, approvata con determina 8854/2015"

Determina n. 7347/2016: "Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia Romagna, bandito con determinazione n. 60 dell'8/1/2013. Assegnazione sedi in seguito al primo interpello”

Dgr n. 634/2016: "Concorso regionale straordinario per l'assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna: disciplina delle procedure di competenza dei Comuni successive all'assegnazione delle sedi"


Dgr n. 2083/2015: "Concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna: determinazioni in ordine all'interpello e all'assegnazione delle sedi farmaceutiche"

Determina n. 8854/2015: "Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna approvata con determina 1654/2015"

Determina 1654/2015: “Approvazione della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna”

Elenco delle sedi farmaceutiche
[allegato A, determina n. 60/2013)

Determina 9917 del 17 luglio 2014: "Terza proroga dei termini previsti per l'approvazione della graduatoria del concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia"

Determina 12996 del 16 ottobre 2013: "Ammissione candidati. Bando di concorso pubblico regionale straordinario per l'assegnazione di sedi farmaceutiche in Emilia-Romagna"

Determina 1464/2013: "Nomina della Commissione giudicatrice del concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione di 178 sedi farmaceutiche per il privato esercizio nella Regione Emilia Romagna indetto con determina n. 60/2013"

Bando del concorso
[allegato 1, determina n. 60/2013]

Determina n. 60/2013

Azioni sul documento
Pubblicato il 20/06/2017 — ultima modifica 28/09/2017
< archiviato sotto: >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali