Concorso pubblico straordinario per nuove farmacie

La Regione ha assegnato le prime 119 farmacie

Assegnate le prime 119 farmacie. Il provvedimento della Regione Emilia-Romagna (determina n. 7347/2016) è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale (Burert) n. 134 del 10 maggio 2016.
Si tratta delle sedi accettate dai vincitori del concorso interpellati lo scorso gennaio.

Le restanti 64 sedi, non assegnate perché non accettate dai vincitori cui sono state proposte, restano disponibili per il secondo interpello, che verrà svolto scorrendo la graduatoria. Nelle fasi dell'interpello i candidati vincitori del concorso pubblico straordinario per nuove farmacie esprimono l’ordine di preferenza delle sedi disponibili.

Dalla data di notifica tramite Posta elettronica certificata (PEC), i farmacisti hanno 180 giorni di tempo per aprire le nuove farmacie.

Per una più agevole consultazione delle farmacie assegnate, sono disponibili i seguenti elenchi:

Informazioni sulle fasi successive della procedura concorsuale

  • Allegato A: informazioni per i farmacisti assegnatari della sede

Dal ricevimento tramite PEC (posta elettronica certificata) del provvedimento regionale di assegnazione, decorre il termine di 180 giorni per l'apertura della farmacia.
Le eventuali condizioni di incompatibilità con la titolarità di una farmacia (per esempio, rapporti di lavoro o altre titolarità di farmacie) devono risultare rimosse al momento dell’autorizzazione all’apertura della farmacia rilasciata dal Comune.
Informazioni di maggior dettaglio saranno comunicate agli assegnatari unitamente al provvedimento di assegnazione.

  • Allegato B: informazioni per i farmacisti in graduatoria

Dopo la scadenza dei 180 giorni utili per aprire le farmacie assegnate con il primo interpello, si proseguirà con le medesime procedure, interpellando i concorrenti che seguono in graduatoria per assegnare le sedi disponibili (sedi non assegnate con il primo interpello, sedi assegnate ma non aperte in tempo utile, sedi che si saranno rese disponibili in seguito alle scelte effettuate dai vincitori del concorso).

Anche per le successive fasi di interpello e accettazione i candidati dovranno collegarsi alla piattaforma web ministeriale: www.concorsofarmacie.sanita.it/CCFarm/jsp/cartinaItalia.jsp

Tutti gli interessati sono tenuti a verificare fin d'ora:
- il corretto funzionamento dell'indirizzo Pec attualmente inserito nella piattaforma e sul quale saranno inviati tutti gli avvisi relativi al secondo interpello e alla seguente fase di accettazione;
- di avere le credenziali di accesso - "codice utente" e "password" - ricevute per partecipare al concorso, necessarie anche per le fasi di interpello e accettazione.
All'interno della piattaforma web ministeriale, nella pagina relativa all’Emilia-Romagna (sulla cartina in alto a sinistra occorre cliccare sull’immagine corrispondente alla regione) sono pubblicate due "demo" con le istruzioni per i candidati:
selezionando il pulsante "Scarica demo scelta sedi-accettazione", si apre una simulazione della scelta delle sedi e della successiva accettazione o rinuncia della sede assegnata;
selezionando il pulsante "Scarica demo PEC" si accede a tutte le informazioni per effettuare eventualmente il cambio del proprio indirizzo PEC.

Candidature in forma associata: la titolarità della farmacia ai singoli farmacisti

Le delibere di Giunta regionale n. 2083/2015 e n. 634/2016 chiariscono che:
- in caso di partecipazione al concorso in forma associata la titolarità della farmacia viene riconosciuta ai singoli farmacisti, quindi alle persone fisiche, non alla società eventualmente costituita per la gestione della farmacia;
- l’assegnazione della sede è strettamente personale e non può essere ceduta o trasferita ad altri per dieci anni decorrenti dalla comunicazione dell’assegnazione stessa (salvo il caso di morte o sopravvenuta incapacità di uno dei co-assegnatari);
- è vietato il cumulo di due o più autorizzazioni in una sola persona, quindi ciascuno dei singoli partecipanti non potrà cedere o trasferire ad altri la propria quota di autorizzazione, né potrà essere titolare pro quota o per intero di altre autorizzazioni, a pena di decadenza dell’intera autorizzazione nei confronti anche di tutti gli altri componenti il gruppo;
- il rispetto del divieto di cumulo di due o più titolarità di farmacia è rilevato dal Comune al momento della verifica dell’insussistenza di cause di incompatibilità, necessaria per il riconoscimento della titolarità delle farmacie ai sensi dell’Art. 10 della LR 2/2016;
- nei 180 giorni successivi alla notifica dell’avvenuta assegnazione della sede, per poter ottenere dal Comune l’autorizzazione all’apertura e all’esercizio della farmacia, i farmacisti assegnatari dovranno rimuovere le eventuali situazioni di incompatibilità sussistenti e, diversamente, decadranno dall’assegnazione;
- in qualunque momento successivo all’assegnazione della sede emerga il cumulo di due o più titolarità di farmacia in capo a un assegnatario, l’assegnatario stesso – e i co-assegnatari della medesima sede in caso di partecipazione in gruppo – decadono dall’assegnazione della sede data con il presente concorso.

 

Informazioni importanti

Iscrizione all'Ordine dei farmacisti
L'iscrizione all'Ordine dei farmacisti è requisito necessario:
• al momento della presentazione della domanda
• al momento di presentare la richiesta di autorizzazione per l'apertura della farmacia all'autorità competente (ossia, entro i 180 giorni successivi all'assegnazione della farmacia)

Non è necessaria l'iscrizione all'Ordine dei farmacisti tra questi due momenti.

Comunicazioni e aggiornamenti: la propria posta PEC e E-R Salute

I candidati sono invitati a verificare costantemente la propria casella di Posta elettronica certificata (PEC): tutte le comunicazioni relative al concorso vengono effettuate tramite PEC, all’indirizzo indicato nella domanda.

Comunicazioni e aggiornamenti sono inseriti inoltre in questa pagina di E-R Salute.

Qualora un candidato cambi la propria residenza, è opportuno che segnali il nuovo indirizzo alla Regione, utilizzando la propria posta PEC e scrivendo a:  assistenzaterritoriale@postacert.regione.emilia-romagna.it

Per informazioni si può inoltre contattare l’Ufficio relazioni con il pubblico della Regione Emilia-Romagna chiamando il numero 800 662200, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00; il lunedì e il giovedì anche dalle 14.30 alle 16.30, oppure inviando una email a: urp@regione.emilia-romagna.it (in quest'ultimo caso, l'indirizzo da utilizzare per l'invio NON deve essere quello di posta certificata).

I candidati possono chiedere informazioni sulle sedi oggetto del concorso (abitanti, servizi presenti nel comune o nella frazione o nella zona, ...) direttamente ai Comuni di ubicazione.

Le richieste di accesso agli atti della procedura concorsuale devono essere inviate via PEC all’indirizzo: assistenzaterritoriale@postacert.regione.emilia-romagna.it utilizzando il presente fac-simile.

 

La piattaforma web del Ministero

La piattaforma web sviluppata dal Ministero della Salute per la presentazione delle domande rimane a disposizione per informazioni sul percorso di assegnazione delle sedi in tutte le Regioni.

headerconcorso.png


La piattaforma web del Ministero

 

 

Per una corretta visualizzazione, si consiglia di impostare il proprio schermo con le seguenti caratteristiche:
- tavolozza dei colori: 32 bit
- area del desktop: 1280 per 800 pixel (o superiore)
- dimensione caratteri: caratteri piccoli

I browser supportati sono MS Internet Explorer 8 (in modalità compatibile) e superiori, Firefox 15 e superiori, Chrome 22 e superiori.

 

La graduatoria dei candidati

La graduatoria è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna, Burert n. 174 del 16 luglio 2015.
Tre candidati sono stati esclusi, per altri 9 è stato rideterminato il punteggio.
La graduatoria è stata approvata con determina della direttrice generale sanità e politiche sociali della Regione Emilia-Romagna n. 8854/2015.
Le farmacie da assegnare sono attualmente 183 (per una 184ma si è in attesa del pronunciamento dei giudici), i candidati sono 3269 (sia singoli che in forma associata).

Per una più agevole consultazione, è possibile consultare la graduatoria sia per posizione, sia per cognome:

Graduatoria per posizione

Graduatoria per ordine alfabetico (ordinata per cognome del referente)

 

Criteri commissione giudicatrice

Sedi di farmacie aggiunte all'elenco allegato al bando

Elenco delle sedi di farmacie allegate al bando
[allegato A, determina n. 60/2013)

Fac simile modulo per la richiesta di accesso agli atti


Le farmacie

Piacenza

Parma*

Reggio Emilia

Modena

Bologna

Ferrara

Ravenna

Forlì-Cesena

Rimini

* da questo elenco della provincia di Parma è al momento esclusa la sede n. 2 di Traversetolo.

In allegato alla delibera di Giunta n. 2083/2015 è pubblicato l'elenco delle sedi di farmacie oggetto di contenzioso, con i riferimenti identificativi dei relativi ricorsi giurisdizionali, aggiornato al mese di ottobre 2015.

Si segnala che:
- il ricorso in appello al Consiglio di Stato pendente sulla sede farmaceutica n. 3 del Comune di Sorbolo (Parma) risulta iscritto nel registro generale al n. 7021/2013 e non al n. 5752/12, come erroneamente indicato nell'elenco allegato alla delibera 2083;
- il ricorso in appello al Consiglio di Stato pendente sulla sede farmaceutica n. 2 del Comune di Traversetolo (PR) risulta iscritto nel registro generale al n. 5752/12 e non al n. 7021/2013, come erroneamente indicato nell'elenco allegato alla delibera 2083.

Il concorso

Il concorso è stato indetto in base all'articolo 11 del decreto legge 1/2012, convertito nella legge 27 del 24 marzo 2012 (“Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica, accesso alla titolarità delle farmacie, modifica alla disciplina della somministrazione dei farmaci e altre disposizioni in materia sanitaria”).
Secondo quanto stabilito dalla normativa, i Comuni hanno individuato le zone in cui istituire nuove farmacie, in base alla popolazione residente, mentre alle Regioni è spettato il compito di bandire il concorso straordinario per attribuire la titolarità delle nuove sedi (determina n. 60 dell’8 gennaio 2013).

La fase del primo interpello

Dal 10 al 15 gennaio 2016 si è svolto il primo interpello dei vincitori. In questa fase i candidati vincitori del concorso pubblico straordinario per nuove farmacie sono stati interpellati per esprimere l’ordine di preferenza delle sedi disponibili.
I vincitori interpellati sono coloro che si sono collocati nella graduatoria pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna (Burert) n. 174 del 16 luglio 2015 nelle prime 183 posizioni, in quanto sono 183 state le sedi oggetto del primo interpello.
In particolare, sono 183 state oggetto del primo interpello tutte le sedi indicate nei link soprastanti "Elenco delle sedi di farmacie allegato al bando" e "Sedi di farmacie aggiunte all'elenco allegato al bando", ad eccezione della sede n. 2 di Traversetolo (Parma).
La sede n. 2 del Comune di Traversetolo (Parma), infatti, è stata esclusa dal primo interpello con la delibera di Giunta regionale n. 2083 del 14 dicembre 2015 - in coerenza con l’ordinanza n. 3554/2012 del Consiglio di Stato e con il provvedimento n. 221/2013 del Tribunale amministrativo regionale di Bologna - con riserva di inserirla nuovamente tra le sedi da assegnare negli interpelli successivi sulla base dei futuri provvedimenti giurisdizionali relativi alla stessa farmacia.
La mancata risposta all’interpello e/o all'accettazione nei tempi previsti ha comportato l’esclusione dal concorso.

Dal 24 gennaio al 8 febbraio 2016 si è regolarmente svolta la fase della procedura concorsuale di accettazione delle sedi a seguito del primo interpello, nella quale i vincitori del concorso pubblico straordinario per nuove farmacie hanno accettato o rifiutato la sede proposta (la prima sede libera, cioè non proposta ad altri, in base alla graduatoria e alle preferenze indicate).

Le fasi di interpello e accettazione sono state gestite attraverso la piattaforma web utilizzata per la presentazione delle domande (www.concorsofarmacie.sanita.it/CCFarm/jsp/cartinaItalia.jsp).


I ricorsi giurisdizionali attualmente pendenti contro gli atti del concorso

Il quadro dei ricorsi giurisdizionali attualmente pendenti contro gli atti del concorso è il seguente:

- 7 ricorsi proposti contro la determina n. 1654/2015 di approvazione della graduatoria del concorso. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna), ha rigettato le istanze cautelari, ove richieste, mentre non si è ancora pronunciato nel merito (numero di Registro generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 681/2012, 314/2015, 318/2015, 334/2015, 432/2015, 701/2015, 771/2015).
- 4 ricorsi proposti contro la determina n. 8854/2015 di rettifica della graduatoria del concorso. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna) ha rigettato le istanze cautelari. Un ricorrente ha impugnato davanti al Consiglio di Stato la decisione cautelare del TAR. Per quanto riguarda il merito dei ricorsi, il TAR non si è ancora pronunciato (numero di Registro Generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 814/2015, 868/2015, 913/2015, 991/2015; numero di Registro Generale del ricorso al Consiglio di Stato: 1326/2016).
- 9 ricorsi proposti contro la delibera di Giunta regionale n. 2083/2015. Il giudice (TAR Emilia-Romagna - sezione di Bologna) ha rigettato le istanze cautelari, ove richieste, mentre non si è ancora pronunciato nel merito (numero di Registro generale dei ricorsi TAR Emilia-Romagna - sez. Bologna: 142/2016, 145/2016, 147/2016, 148/2016, 149/2016, 150/2016, 151/2016, 152/2016, 153/2016). Uno dei 9 ricorrenti ha impugnato davanti al Consiglio di Stato l'ordinanza cautelare di rigetto con ricorso (numero di Registro generale) 3637/2016.

Con ricorsi per motivi aggiunti presentati dai ricorrenti contro gli atti istitutivi delle sedi sono oggetto di impugnazione anche la delibera di Giunta regionale n. 634/2016 e la determinazione n. 7347/2016.

Con l'istanza cautelare il ricorrente chiede la sospensione del provvedimento impugnato e il giudice decide in tempi brevi (indicativamente 2 mesi, con la cosiddetta decisione cautelare).

Con il ricorso vero e proprio il ricorrente chiede l'annullamento del provvedimento impugnato e il giudice decide in tempi più lunghi (è la cosiddetta decisione di merito).

Provvedimenti regionali

Determina n. 7347/2016: "Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia Romagna, bandito con determinazione n. 60 dell'8/1/2013. Assegnazione sedi in seguito al primo interpello”

Dgr n. 2083/2015: "Concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna: determinazioni in ordine all'interpello e all'assegnazione delle sedi farmaceutiche"

Determina n. 8854/2015: "Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna approvata con determina 1654/2015"

Determina 1654/2015: “Approvazione della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna”

Elenco delle sedi farmaceutiche
[allegato A, determina n. 60/2013)

Determina 9917 del 17 luglio 2014: "Terza proroga dei termini previsti per l'approvazione della graduatoria del concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia"

Determina 12996 del 16 ottobre 2013: "Ammissione candidati. Bando di concorso pubblico regionale straordinario per l'assegnazione di sedi farmaceutiche in Emilia-Romagna"

Determina 1464/2013: "Nomina della Commissione giudicatrice del concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione di 178 sedi farmaceutiche per il privato esercizio nella Regione Emilia Romagna indetto con determina n. 60/2013"

Bando del concorso
[allegato 1, determina n. 60/2013]

Determina n. 60/2013

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/07/2016 — ultima modifica 06/07/2016
< archiviato sotto: >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali