Farmacie nei luoghi ad alto transito

Entro il 31 agosto 2019 i Comuni possono richiedere l'istituzione di farmacie aggiuntive rispetto a quelle previste dalle proprie piante organiche.

Sono farmacie "in più" e possono essere istituite:

  • a) nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti civili a traffico internazionale, nelle stazioni marittime e nelle aree di servizio autostradali ad alta intensità di traffico, dotate di servizi alberghieri o di ristorazione, purché non sia già aperta una farmacia a una distanza inferiore a 400 metri;
  • b) nei centri commerciali e nelle grandi strutture con superficie di vendita superiore a 10.000 metri quadrati, purché non sia già aperta una farmacia a una distanza inferiore a 1.500 metri.

La Giunta regionale con delibera n. 857/2017 ha fissato il numero massimo di farmacie aggiuntive che si possono istituire in tutta la regione e ha inoltre definito le modalità procedurali per l'istituzione di queste sedi.

Le farmacie aggiuntive nei luoghi ad alto transito sono previste dall'articolo 7 della legge regionale 2/2016 e dall’articolo 1 bis della legge n. 475 del 1968. 

Presentazione della domanda

La domanda deve essere presentata dai Comuni all'Azienda Usl entro il 31 agosto di ogni anno.

Le farmacie nei luoghi ad alto transito sono poi istituite dalla Regione con un proprio provvedimento.

Informazioni

Eventuali informazioni sulla presentazione della domanda possono essere chieste al Servizio farmaceutico dell'Azienda Usl del proprio territorio o inviando una email all'indirizzo: concorsofarmacie@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/01/2019 — ultima modifica 24/01/2019

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali