La responsabilità sanitaria: le prospettive della Legge Gelli

Un convegno a Ferrara il 17 marzo per appronfondire il provvedimento con gli operatori della sanità, ma non solo

Ferrara, 10 marzo 2017 - “La Responsabilità Sanitaria: le prospettive derivanti dall’approvazione della Legge Gelli” è il titolo del convegno, in programma per il 17 marzo p.v. che si terrà nell’Aula Magna dell’Ospedale di Cona, per diffondere e approfondire insieme agli operatori della sanità, ma non solo, il contenuto della recente Legge.

La responsabilità professionale rappresenta oggi l’elemento di maggiore criticità nello svolgimento della quotidiana attività sanitaria ed ha assunto una rilevanza tale da richiedere un intervento legislativo in materia.

Obiettivo del Convegno è proprio quello di approfondire gli aspetti fondamentali della recente “LEGGE GELLI”, che, come spiegano gli organizzatori, ha come obiettivo quello di garantire la sicurezza delle cure come parte costitutiva del diritto alla salute attraverso maggiori garanzie e tutele per i professionisti della sanità da un lato, e maggiore certezza e celerità nei risarcimenti dei danni subiti dai pazienti dall’altro.

Il convegno, indirizzato a tutti i professionisti sanitari, tecnici e Amministrativi che lavorano nel mondo della sanità ma anche agli Avvocati, vuole affrontare il tema della gestione del rischio e della responsabilità professionale in ambito civile, penale e amministrativo-contabile, approfondendo anche il tema della comunicazione e nello specifico come gestire la comunicazione e le informazioni con i media.

Sul banco dei relatori, affronterà la questione l'On. Federico Gelli, primo firmatario e relatore del DDL sulla Responsabilità professionale e gestione del rischio clinico, a pochi giorni dalla sua approvazione definitiva, in terza lettura, alla Camera.

Saranno inoltre presenti, insieme ai direttori generali, Claudio Vagnini per l’Azienda USL e Tiziano Carradori per l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, Sergio Venturi, Assessore alle Politiche per la Salute della Regione Emilia-Romagna, l’On. Paola Boldrini di Ferrara, deputata e componente della XII Commissione Affari Sociali, Camera dei Deputati e illustri relatori come Giulio Ponzanelli, Professore di diritto privato all'Università Cattolica di Milano, Albero Rigoni, Giudice della Corte dei Conti di Bologna, Ciro Alberto Savino, Sostituto procuratore della repubblica del Tribunale di Ferrara, Marco Linguerri, Avvocato del Foro di Ferrara, Alessandra De Palma dell’Azienda Ospedaliero Universitaria S. Orsola di Bologna, collaboratrice della direzione Generale Cura alla Persona, Salute e Welfare della Regione Emilia-Romagna e Barbara Cataldi, Giornalista de "Il Fatto Quotidiano" e della trasmissione televisiva "Mi manda Raitre".

Con il convegno gli organizzatori puntano a far emergere le principali novità derivanti dalla recente approvazione della Legge Gelli, segnalando che negli ultimi quindici anni il rapporto tra medico e paziente è stato improntato da una visione puramente contrattualistica, mentre con la nuova Legge Gelli questo rapporto viene inquadrato espressamente dalla legge come rapporto avente natura extracontrattuale, con conseguente onere della prova a carico del paziente che afferma l’errore. E' confermata invece la natura contrattuale del rapporto tra il paziente e la struttura sanitaria, con la conseguenza che il contenzioso riguarderà prevalentemente la struttura sanitaria di appartenenza del professionista, mentre quest'ultimo verrà coinvolto dal paziente solo in casi marginali”.



Azioni sul documento
Pubblicato il 10/03/2017 — ultima modifica 10/03/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali