Cure Intermedie: il modello di S.Secondo fa scuola

Il 5 febbraio alla Casa della Salute presentazione del progetto regionale "Rersus" tra Italia e Brasile

31/01/2019 - Il 5 febbraio, la Casa della Salute di San Secondo ospita l’incontro di presentazione del  “Progetto Rersus - Cure Intermedie: confronto e trasferimento di strumenti gestionali tra Italia e Brasile”, un’esperienza pilota della durata di un anno nell’ambito di una collaborazione in area sanitaria e sociale tra la Regione Emilia-Romagna (Agenzia Sanitaria regionale, la Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare), diverse istituzioni brasiliane e università italiane.

Obiettivo del progetto è sperimentare un modello di cure intermedie in Brasile, all’Ospedale Carlos Tortelly di Niterói, con percorsi assistenziali e strumenti gestionali innovativi a partire dal modello della Regione Emilia-Romagna.  Il modello organizzativo delle cure intermedie adottato in Emilia-Romagna è realizzato a pieno dalla Casa della Salute di San Secondo, dove con i suoi 30 posti letto dedicati alle Cure intermedie, è operativa la più grande struttura di questo tipo a livello regionale.

Il progetto vede la collaborazione di numerosi partner italiani e brasiliani, quali Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau (capofila), Università di Bologna, Università di Parma, Università Federale Fluminense, Azienda USL Modena, Azienda USL di Parma, Azienda USL della Romagna, Comune di Castelfranco Emilia, Associazione Brasile Salute e Azione – BRASA

Scarica il programma 

Azioni sul documento
Pubblicato il 01/02/2019 — ultima modifica 01/02/2019

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali