Diabete, l’impegno e le iniziative a Parma per la giornata mondiale

Dieci giorni di campagna informativa per conoscere una malattia silenziosa in collaborazione con le Associazioni di volontariato

07/11/2017 - Una campagna di sensibilizzazione ricca di iniziative in città e in diverse località della provincia per ricordare che la prevenzione del diabete è possibile. Con un occhio particolare alla donna, che “paga” le conseguenze di una diagnosi spesso ritardata e un minore successo nella terapia. Considerata la malattia del benessere, il diabete di tipo  2 si manifesta in prevalenza dopo i 40 anni e subito non presenta sintomi, ma una volta conclamata, questa malattia produce danni a tutto l’organismo, peggiorando la situazione vascolare che coinvolge i vari organi, compreso il cuore.

Il diabete, però, può essere contrastato, con la prevenzione a partire da una sana alimentazione e regolare attività fisica e con la diagnosi precoce, tramite il test della glicemia. E’ di fondamentale importanza, dunque, la corretta informazione, obiettivo della Giornata mondiale del 14 novembre e anche per questo le due Aziende sanitarie hanno realizzato un pratico opuscolo con ogni utile informazione dal titolo “Conoscere il diabete, prevenzione e cura negli ospedali e ambulatori delle Aziende Sanitarie di Parma”, in distribuzione in questi giorni.

I diabetici a Parma e provincia sono un grande numero, circa 27 mila, dunque 7 persone ogni cento. “Tutti possiamo essere diabetici, senza saperlo perché l’insorgenza della malattia è insidiosa – afferma Riccardo Bonadonna direttore della Endocrinologia e malattie del metabolismo del Maggiore – l’8-10% della popolazione è già malato e se ne accorge in ritardo”.

Per questo la misurazione della glicemia attraverso una piccola puntura sul polpastrello può essere utile, in quanto ci dice se dobbiamo procedere con esami specifici di laboratorio. E’ bene quindi parlarne con il proprio medico di famiglia che saprà dare ogni utile indicazione in merito. “L’attività fisica e la corretta alimentazione sono due stili di vita che è importantissimo seguire per prevenire i fattori di rischio alla base della malattia: proprio su questi due aspetti si concentrano gran parte delle iniziative pubbliche che abbiamo organizzato a Parma e in provincia”, spiega Maria Cristina Cimicchi, referente Diabetologia dell’Azienda Usl.

 

Le iniziative in città:

Dal 9 al 18 novembre i professionisti delle Aziende sanitarie, con le due associazioni di volontariato Associazione giovani diabetici  e Associazione diabetici provincia di Parma  scendono nelle piazze per diffondere la cultura della prevenzione, con iniziative pensate per grandi e piccini. A cominciare dal convegno “Controllo e libertà” organizzato dall’Associazione Giovani Diabetici (AGD) in collaborazione con il Centro di diabetologia pediatrica del Maggiore, in programma per giovedì 9 novembre alle ore 18 che si propone come occasione di informazione e confronto per ottimizzare la gestione quotidiana del piccolo diabetico. Parteciperanno all’incontro Brunella Iovane del Centro di diabetologia pediatrica, Tiziana Incerti, dietista, Patrizia Finardi, psicologa e Daria Furoncoli, infermiera, professionisti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e  Giovanni Chiari, medico diabetologo pediatra dell’Ausl. L’incontro sarà seguito da un aperitivo offerto dall’Associazione AGD (con prenotazione necessaria a: segreteria@agdparma.it).

Venerdì 10 novembre, dalle 9 alle 12, il banchetto informativo organizzato da Agd sarà davanti alla Casa della Salute Pintor Molinetto, per diffondere informazioni e rispondere alle domande dei cittadini.

Il colloquio con la misurazione della glicemia capillare e con il controllo dei fattori di rischio sarà possibile invece in piazza della Steccata sabato 11 novembre a partire dalle 9 della mattina, dove due tende e un caravan allestiti grazie alla Croce rossa italiana ospiteranno i professionisti del Maggiore: Riccardo Bonadonna, direttore dell’Endocrinologia e malattie del ricambio, con Elisabetta Dall’Aglio, Alessandra Dei Cas e Maria Grazia Magotti, assieme a infermieri, studenti in specializzazione e volontari dell’Associazione AGD che risponderanno alle domande dei cittadini.  

Giovedì 16 novembre alla Casa della Salute Montanara alle ore 21 è in programma un incontro di educazione sanitaria realizzato in collaborazione con i medici del gruppo Balint. Intervengono Maria Cristina Cimicchi e Sandra Vattini, responsabile U.O. Nutrizione dell’Ausl, sul tema "La corretta alimentazione è anche..una questione di etichetta", incentrato sulla corretta alimentazione, importante elemento di prevenzione per la malattia.

Venerdì 17 novembre, dalla Casa della Salute Montanara, in collaborazione con AGD di Parma, la medicina di gruppo Balint e Maria Cristina Cimicchi, alle ore 14 parte una passeggiata da fare insieme che servirà come occasione per capire come il movimento, fattore di prevenzione, sia facile da realizzare.  

 

Le iniziative in provincia:

Caratteristiche diverse hanno anche i momenti di incontro organizzati in provincia, a partire dal presidio di domenica 12, dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15 alle 18, a Traversetolo in piazza Vittorio Veneto, in occasione della festa del Patrono: qui i professionisti di Ausl Diletta Ugolotti e Elisa Usberti, con i volontari di AGD, saranno a disposizione dei cittadini per informazioni e suggerimenti utili alla prevenzione della patologia, con calcolo del rischio di sviluppare diabete, esecuzione dello stick glicemico e diffusione di indicazioni su corretta alimentazione e regolare attività fisica.

Sarà occasione di educazione sanitaria anche l’incontro "Prevenzione del piede diabetico", tenuto dalle infermiere della diabetologia della Casa della Salute di Colorno, in programma per lunedì 13 novembre, alle ore 15, alla Casa della Salute di Colorno. Sempre lunedì 13 Novembre, dalle ore 10 alle ore 13, a Borgotaro in piazza Verdi,  gazebo con i professionisti dell’Ospedale Santa Maria e del Distretto Valli Taro e Ceno dell’AUSL.

Per finire con mercoledì 15, dalle ore 12 alle 15, nel piazzale delle Rose dell'Ospedale di  Vaio, sarà presente un presidio mobile per il controllo della pressione arteriosa e valutazione del rischio con Antonella Guberti diabetologa dell’Ausl.

Azioni sul documento
Pubblicato il 07/11/2017 — ultima modifica 07/11/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali