Il ministro Balduzzi visita la struttura psichiatrica di Sadurano

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, e l'assessore alle politiche per la salute Carlo Lusenti hanno presentato al ministro della salute il progetto regionale "Casa Zacchera", a Sadurano, nelle colline di Castrocaro Terme (Forlì-Cesena), inserito nel percorso di superamento dell'Ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia. La struttura ha ospitato finora 43 pazienti dell'Opg, fornendo un approccio terapeutico riabilitativo per il loro reinserimento graduale in società: una sperimentazione osservata con particolare attenzione anche da altre Regioni.

Castrocaro Terme (Forlì-Cesena), 8 maggio 2012 - Il ministro della salute Renato Balduzzi ha fatto visita alla residenza sanitaria psichiatrica "Casa Zacchera" di Sadurano, sulle colline di Castrocaro Terme.

Il ministro era accompagnato dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, e dall'assessore alle politiche per  la salute, Carlo Lusenti che gli hanno presentato la struttura e descritto il modello organizzativo e assistenziale proposto.

La struttura costituisce un progetto della Regione Emilia-Romagna all'interno del percorso avviato per il superamento dell'Ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia (la legge 9/2012 sancisce la definitiva chiusura degli Opg entro il 31 marzo 2013).

Balduzzi ha incontrato il responsabile della struttura, gli operatori e alcuni pazienti. Al termine, ha riconosciuto nella residenza psichiatrica giudiziaria di Sadurano un modello di riferimento a livello nazionale, in questa delicata fase di chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari.

"Casa Zattera" ospita pazienti provenienti dall'Opg di Reggio Emilia, con basso grado di problematicità e comunque in fase di dimissione (sono pazienti per i quali dunque non è più richiesta la funzione custodiale intensiva), fornendo un approccio terapeutico riabilitativo per il loro reinserimento graduale in società. 
La sperimentazione del modello organizzativo e assistenziale proposto con "Casa Zacchera" viene osservata con attenzione anche da altre Regioni.

La residenza sanitaria psichiatrica "Casa Zacchera"

Casa Zacchera è una residenza sanitaria psichiatrica di tipo sociorabilitativo, gestita dalla cooperativa sociale Sadurano Salus. La struttura ha ottenuto l’accreditamento istituzionale sanitario nel marzo 2009 per 18 posti. La struttura ospita utenti dimessi dall’Ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia. Il progetto è attivo dal 2008 e ad oggi sono stati accolti 43 pazienti, con una età media dai 30 ai 50 anni e una permanenza media di 15 mesi circa. 

L'esperienza di "Casa Zacchera" conferma che strutture alternative, anche a bassa protezione, riescono ad accogliere pazienti, altrimenti costretti in luogo inidoneo ed inutile e al limite dannoso per i loro bisogni. Il modello proposto conferma l'ipotesi che persone che creano un forte allarme sociale, dato il tipo di reato commesso, opportunamente valutate possono essere seguite adeguatamente in una struttura a bassa sorveglianza senza esporre loro e la comunità a rischi particolari.
L’individuazione dei pazienti da accogliere nella residenza sanitaria psichiatrica viene effettuata con molta cura da parte dello psichiatra responsabile del progetto del Dipartimento di salute mentale di Forlì, sulla base di valutazioni clinico-terapeutiche e in stretta collaborazione con gli operatori dell’Ospedale psichiatrico giudiziario.

Azioni sul documento
Pubblicato il 09/05/2012 — ultima modifica 10/05/2012

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali