Terapia del dolore, all'Emilia-Romagna una menzione speciale

Premio Gerbera d'oro: riconoscimento all'Azienda ospedaliera di Reggio Emilia per il progetto sulle cure palliative nel bambino "clinicamente complesso". Un ambulatorio unico con un team multidisciplinare che segue 170 pazienti. Domenica 28 maggio la Giornata del Sollievo
Terapia del dolore, all'Emilia-Romagna una menzione speciale

particolare degli esterni dell'Arcispedale Santa Maria Nuova

Bologna, 25 maggio 2017 - Di fronte al dolore causato da una malattia, l’adulto è fragile e indifeso. Ma lo è ancora di più un bambino. Soprattutto se affetto da una patologia cronica o incurabile, o da più patologie correlate.
L’impegno a ridurre la sofferenza e alleviare il dolore nei pazienti più piccoli è valso una “menzione speciale” alla Regione Emilia-Romagna, in occasione del premio “Gerbèra d’oro” edizione 2017, per un progetto specifico portato a compimento nell’ultimo anno e presentato dall’Azienda ospedaliera - Irccs Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia: l’Ambulatorio pazienti pediatrici “clinicamente complessi” (“children with medical complexity”), che devono essere seguiti da più professionisti. E oggi quell’Ambulatorio, attraverso un team multi-professionale, si prende cura di 170 pazienti.

La cerimonia di conferimento della menzione è avvenuta questa mattina a Roma, al ministero della Salute. Un tema importantissimo, quello delle cure palliative e della terapia del dolore, cui in Italia ogni ultima domenica di maggio è dedicata la Giornata del Sollievo.

Il progetto dell’Ambulatorio

In provincia di Reggio Emilia si registra, come altrove, un aumento dei pazienti in età pediatrica “clinicamente complessi”, seguiti sia in ospedale che dal servizio infermieristico domiciliare. Una recente rilevazione ne ha contati 289 su tutto il territorio di competenza dell’Ausl: tra questi, ci sono 69 bambini che necessitano di cure palliative e assistenza di alta complessità a livello socio-sanitario. Una tipologia di pazienti, per di più piccoli, che ha bisogno di essere seguita da un “team multidisciplinare pediatrico”, formato da tutti i professionisti competenti.

Già dal 2013 è attivo a Reggio Emilia un team nutrizionale pediatrico che si incontra regolarmente, a cadenza bisettimanale, nella Struttura Complessa di Pediatria del Santa Maria Nuova, e che vede la presenza di un medico nutrizionista e gastroenterologo, di una dietista, di una foniatra, di una logopedista, di un’infermiera e di una psicologa.
A partire dal 2016, in seguito all’inserimento di una broncopneumologa pediatra (completamente formata sulla ventilazione non invasiva, sui disturbi respiratori del sonno e l’assistenza respiratoria al bambino clinicamente complesso), e alla collaborazione con la struttura di Riabilitazione respiratoria dell’ospedale di Correggio, il gruppo multidisciplinare ha iniziato a fornire supporto per i problemi alle vie aeree e digestive, diventando un “areo-digestive team” (come nei Paesi anglosassoni).

Si è creato così un Ambulatorio, sede delle valutazioni multidisciplinari dell’“areo-digestive team”, dove convergono tutte le situazioni che richiedono un approccio multi-disciplinare, identificate sia all’interno dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, sia sul territorio dell’Ausl di Reggio Emilia. Una realtà che si rivolge dunque a bambini con patologie neurologiche (paralisi cerebrale infantile, traumi, sindromi ipossico-ischemiche, microcefalia, atrofia, encefaliti, meningiti, gravi deficit cognitivi), neuromuscolari, malattie rare e genetiche, sindromi endocrinologiche con disfunzione respiratoria, metaboliche, degenerative, patologie con diagnosi “non ancora nota”.

Obiettivo dell’Ambulatorio è anche quello di fungere da cerniera tra il reparto di pediatria, abituale sede di ricovero dei bambini clinicamente complessi, gli altri reparti e servizi ospedalieri che ruotano attorno a questa tipologia di pazienti e il territorio, in tutte le sue componenti.
I risultati: l’Ambulatorio, dove forte impulso viene dato alla formazione dei professionisti, a un anno dalla formalizzazione dell’areo-digestive team, segue 170 pazienti, alcuni provenienti da province limitrofe.

Il premio “Gerbèra d’oro”

É stato istituito nell’ambito delle iniziative della Giornata nazionale del Sollievo, che quest’anno viene celebrata domenica 28 maggio. É un riconoscimento attribuito dalla Fondazione Ghirotti e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome a una struttura sanitaria che si è distinta nell’affrancamento dal dolore inutile, alleviando la sofferenza non solo con le terapie più avanzate, ma anche con il sostegno psicologico e attraverso un processo di umanizzazione delle cure.

All’edizione 2017 del premio “Gerbera d’oro” hanno partecipato 34 progetti, presentati da 12 Regioni (le schede di tutti i progetti potranno essere consultate a breve sul sito www.regioni.it, nella sezione sanità). Il premio è stato assegnato alla Regione Lombardia; la Commissione giudicatrice ha poi attribuito tre “menzioni speciali”: alle Regioni Emilia-Romagna (per il progetto dell’Azienda ospedaliera di Reggio Emilia), Liguria e Veneto.

Gli altri progetti presentati dalla Regione Emilia-Romagna

Oltre a quello del Santa Maria Nuova di Reggio, la Regione Emilia-Romagna ha presentato all’edizione 2017 altri progetti, a partire da quello dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, l’Irst-Irccs (titolo, “Le Scuole incontrano l’Irst”).

L’Unità operativa semplice dipartimentale (Uosd) Cure Palliative dell’Azienda Usl di Piacenza ha partecipato con due progetti, rispettivamente “In Rete”, per la sensibilizzazione e la formazione nelle cure palliative di base rivolto ai medici di medicina generale del territorio piacentino, e “Cure palliative domiciliari”. Il Servizio Cure Palliative e Hospice dell’ambito di Cesena, Ausl Romagna, ha partecipato con il “Dossier formativo personale e di gruppo: profili di competenza dei professionisti di cure palliative”; l’Ospedale Maggiore di Bologna con il progetto “Il dolore non fa paura”, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna con “Riconoscere, valutare e trattare il dolore nel bambino con disabilità neurocognitiva”. Dall’Hospice di Vaio (Ausl Parma), il progetto “A casa con serenità”; dall’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, “Il Dolore: dalla valutazione del percepito dei pazienti degenti alla valutazione partecipata (professionisti e civici) del grado di umanizzazione”.

La lotta al dolore e la Giornata del Sollievo in Emilia-Romagna

 

 

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/05/2017 — ultima modifica 29/05/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali