Via libera al nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale

In Conferenza Stato-Regioni. Bambini, adolescenti e anziani tra i maggiori destinatari. Aumenta l'offerta vaccinale gratuita. Venturi: "Maggiore copertura, cultura della prevenzione, meno disuguaglianze"
Via libera al nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale

frame dal video dall'Azienda Usl di Piacenza per la campagna di vaccinazione contro l'influenza

Bologna, 19 gennaio 2017 - Bambini, adolescenti e anziani. Saranno loro i maggiori destinatari del nuovo Piano nazionale di Prevenzione vaccinale 2017-19, approvata oggi dalla Conferenza Stato-Regioni. Un passaggio essenziale, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio, che ne assicura la copertura finanziaria, e dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Il Piano, cui la Stato-Regioni ha dato il via libera, consentirà una maggiore offerta vaccinale gratuita. Offerta che comprende, oltre a quelli già previsti, nuovi vaccini quali l’Anti Pneumococco e Zoster per gli anziani, anti Meningococco b, Rotavirus e Varicella per i bambini entro il primo anno di vita, anti Papillomavirus anche per gli adolescenti maschi.

“L’adozione del nuovo Piano vaccinale nazionale rappresenta un risultato di grande importanza- ha detto l’assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi- che consentirà di garantire una copertura il più possibile omogenea per tutti i cittadini italiani. Contiene anche un forte richiamo alla opportunità, anche come scelta personale, di considerare la vaccinazione come un importante strumento di prevenzione. Del resto, proprio sulla prevenzione, in Emilia-Romagna abbiamo puntato moltissimo, facendo da apripista con l’introduzione dell’obbligo vaccinale nei servizi educativi frequentati dai bambini nella fascia 0-3 anni. Importante, poi- prosegue l'assessore- che nel Piano, oltre a mantenere le vaccinazioni contro poliemielite, rosolia e morbillo, ampliando l’offerta, si promuova la cultura delle vaccinazioni. Anche per i professionisti sanitari, tant’è che vengono previste sanzioni in caso di inadempienze. Aldilà degli aspetti più propriamente sanitari- conclude Venturi- trovo davvero, in questo intervento, una particolare attenzione ai bisogni di tutti. Estendere la gratuità dei vaccini a tutto il territorio nazionale, significa superare evidenti disuguaglianze e rendere più omogeneo il panorama italiano.”

L’offerta vaccinale contenuta nel Piano

Per i bambini entro i 13 mesi di vita saranno introdotti i vaccini gratuiti contro il Meningococco b (una delle cause della meningite), e il rotavirus. Per il secondo anno di vita (13-15 mesi) sarà disponibile il vaccino contro la Varicella (attualmente gratuito in sole 8 regioni), anche insieme a quello per morbillo, rosolia e parotite. Per gli adolescenti, il vaccino contro il Papillomavirus (Hpv), causa di tumore alla cervice dell'utero e alla bocca, oggi gratuito per le ragazze, sarà esteso anche ai maschi. Per gli anziani, diverrà gratuito il vaccino contro l'Herpes Zoster, il cosiddetto fuoco di Sant’Antonio, e sarà disponibile gratuitamente in tutte le regioni il vaccino contro lo pneumococco (causa di polmonite e meningite).

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/01/2017 — ultima modifica 19/01/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali