Ondate di calore, le linee guida regionali per l'assistenza

Il provvedimento definisce le reti di interventi a livello distrettuale per le persone che più risentono del disagio climatico in estate: anziani, disabili, chi ha malattie croniche, persone che vivono sole, chi è più fragile per condizioni socio-economiche. Informazioni nel sito dell'Arpa e al numero verde 800 033 033.

Bologna, 13 giugno - Persone anziane, disabili, chi ha malattie croniche, persone che vivono sole, chi è più fragile per le proprie condizioni socio-economiche. La Regione Emilia-Romagna ha disposto anche per l'estate 2012 le linee guida per l'assistenza alle persone che più risentono delle ondate di calore, già inviate alle Aziende sanitarie, ai sindaci, ai presidenti delle Province e delle Conferenze territoriali sociali e sanitarie. Il provvedimento definisce i piani locali che devono essere realizzati dalle Aziende Usl e dai Comuni, con la collaborazione di tutti i soggetti attivi nel volontariato: una rete di interventi a livello distrettuale, finalizzata al contrasto dell'isolamento e della solitudine.

In base alle indicazioni regionali, ciascuna rete di intervento prevede:

  • centri di riferimento territoriali, con funzioni di coordinamento, gestiti in modo integrato tra Aziende Usl e Comuni;
  • la mappa delle situazioni a rischio;
  • il potenziamento dell’assistenza della popolazione già assistita a domicilio o nei centri diurni;
  • programmi di intervento per le strutture residenziali e diurne che accolgono anziani e disabili.

Nella costruzione del piano di intervento si sottolinea la necessità di ricercare forme adeguate di coordinamento con la protezione civile, valorizzando tutti gli apporti e le collaborazioni definite con le associazioni di volontariato ed il terzo settore.

Per verificare tempestivamente l’effetto delle ondate di calore è stato predisposto un sistema di monitoraggio sistematico degli accessi e dei ricovero in pronto soccorso, della popolazione anziana ultrasettantacinquenne, tramite pagina internet appositamente predisposta per una rilevazione quotidiana delle informazioni. Per il 2012 vengono confermate le modalità di invio dei dati con cadenza quotidiana o almeno bisettimanale, già in vigore dal 2009.  

Il sistema regionale di previsione del disagio connesso a fenomeni metereologici (ondate di calore)

Su tutto il territorio regionale è operativo dal 15 maggio al 15 settembre 2012, (salvo proroga in caso di permanere di situazioni climatiche di disagio) un sistema di previsione del disagio bioclimatico gestito dai Servizi Idrometeorologico e di Epidemiologia ambientale dell’Arpa che è in grado di prevedere, con 72 ore di anticipo, il verificarsi di disagio meteo climatico.

Il sistema è disponibile sul sito web:

Arpa: la sezione dedicata alle ondate di calore

Anche per il 2012 il sistema regionale provvederà all’invio quotidiano di email indicante nell’oggetto la condizione di no allerta oppure di allerta ai referenti dei gruppi operativi locali, personalizzata in base alle previsioni della zona di riferimento.

Per ulteriori informazioni, rivolgersi al numero verde gratuito del Servizio sanitario regionale: 800 033 033 (attivo tutti i giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30, il sabato e i prefestivi dalle ore 8,30 alle ore 13,30). Il servizio, qualora sia necessario, può trasferire, sempre senza alcun onere per chi chiama, la telefonata all’Urp dell’Azienda sanitaria di riferimento.

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/06/2012 — ultima modifica 13/06/2012

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali