Ticket, Lusenti: "L'obiettivo è garantire più equità"

Nel magazine televisivo della Giunta regionale, "Vista da vicino", l'assessore alle politiche per la salute spiega le ragioni dei nuovi ticket sanitari. E ribadisce: "Stiamo lavorando a uno strumento più efficace e raffinato per riconoscere le condizioni del nucleo familiare fiscale".

Bologna, 28 strumento 2011 - "Non ci accontentiamo di questo strumento e vogliamo lavorare, cosa che stiamo già facendo, a uno strumento più efficace e raffinato che corregga e riconosca le condizioni del nucleo familiare fiscale".

L'assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Carlo Lusenti, in una intervista per il magazine televisvo della Giunta regionale, "Vista da vicino", spiega le ragioni dei nuovi ticket sanitari e ribadisce l'impegno per individuare uno strumento che garantisca più equità nella definizione del reddito familiare e che tenga conto delle famiglie più numerose e più fragili.

La puntata di "Vista da vicino" fa il punto sui motivi che hanno reso necessario il provvedimento e spiega i motivi per cui la Regione ha deciso di modulare attraverso fasce di reddito il ticket introdotto dal governo nell'ultima manovra finanziaria per recuperare risorse finanziarie tagliate dal fondo sanitario nazionale.

Nel dettaglio tutte le specifiche relative alla compilazione del modulo di autocertificazione, ai luoghi dove trovarlo e consegnarlo e ai tempi previsti per farlo.

"Il ticket è stato introdotto dal Governo con la manovra del 17 luglio - osserva Lusenti -. Vale in tutte le regioni italiane ed è un ticket lineare: 10 € per ogni prestazione specialistica. In questo modo, chi più ha bisogno, chi più usa il Servizio sanitario, più paga". Inoltre, "il Governo ha imposto i tempi: non li abbiamo scelti noi. Entro agosto dovevamo applicare il ticket introdotto dalla manovra". "Noi ci siamo prima opposti all'imposizione dei ticket, con tutte le Regioni. Poi abbiamo usato lo spazio che ci consente la legge per modularli diversamente. Con un obiettivo: garantire più equità".

"La nostra scelta, esentare le famiglie con un reddito inferiore ai 36.153 euro - osserva Lusenti - consente a queste di non pagare un solo euro di ticket, mentre la norma nazionale lo imponeva anche a queste: 10 euro per ogni prescrizione".


"Vista da vicino": i nuovi ticket sanitari

L'intervista integrale all'assessore Carlo Lusenti

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/09/2011 — ultima modifica 30/09/2011
< archiviato sotto: , , >

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali