Screening

Il programma regionale

Obiettivo del programma di screening dei tumori del colon retto

Il tumore del colon retto è il terzo tumore più frequentemente diagnosticato nei maschi e il secondo nelle donne. Obiettivo del programma è individuare una malattia pre-tumorale (adenomi a rischio di evolvere in tumore) o tumorale nelle sue prime fasi di sviluppo, in modo da intervenire con cure efficaci.

La possibilità di intervenire sulle lesioni pre-tumorali, tramite la rimozione degli adenomi a rischio di evolvere verso forme tumorali, permette di prevenire la formazione di tumori. Ogni anno lo screening individua circa 2.300 persone con queste lesioni.

Individuare un tumore del colon retto in fase precoce permette un trattamento della malattia più limitato e conservativo, consentendo la risoluzione della patologia o comunque aumentando la probabilità di guarigione completa. Ogni anno lo screening individua circa 300 persone con tumore del colon retto.

A chi è rivolto e come funziona il programma di screening

Il programma è rivolto a uomini e donne di 50-69 anni, invitati ogni due anni, con una lettera inviata alla residenza o al domicilio dalla propria Azienda Usl, per eseguire il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci.

Il materiale necessario per il test (“il kit”), può essere ritirato dove indicato nella lettera di invito (per esempio nelle farmacie, o presso altre sedi identificate dall’Azienda USL, oppure il kit arriva per posta insieme alla lettera di invito).

Il prelievo di feci per il test è semplice, non necessita di diete particolari e si esegue a casa propria, seguendo accuratamente le istruzioni consegnate, sia per eseguirlo che per conservarlo e riconsegnarlo nelle sedi indicate nella lettera di invito.

Se il test risulta negativo (vale a dire in assenza di sangue occulto nelle feci) la persona riceve la risposta a casa propria, per posta, nel giro di tre settimane circa. Se il test risulta positivo (presenza di sangue occulto nelle feci, circa 4-5 persone ogni 100), la persona è contattata dal Centro Screening dell’Azienda Usl per eseguire una colonscopia di approfondimento che servirà a verificare la natura del sanguinamento.

Tutto il percorso è completamente gratuito e non è necessaria alcuna ricetta medica.

La qualità e il monitoraggio del programma

L’intero programma di screening è sottoposto ad accurato monitoraggio per verificare l’efficienza, l’efficacia e la qualità dell’intervento, attraverso specifici indicatori individuati da linee guida europee e nazionali.

Ogni anno il programma invita circa 500.000 persone, analizza in laboratorio circa 250.000 test di screening, ed esegue la colonscopia a 10.000 persone, è pertanto un programma altamente specializzato che offre alta qualità in tutte le sue fasi e aggiornamento e formazione continua agli operatori, oltre a una particolare attenzione alle innovazioni scientifiche e tecnologiche.

I risultati dello screening sono resi noti periodicamente a livello locale, regionale e nazionale anche attraverso la loro pubblicazione on line in questo sito (sezione i risultati del programma).

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/10/2017 — ultima modifica 13/10/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali