Screening

A cosa serve e in cosa consiste la colonscopia di approfondimento?

Serve a verificare la natura del sanguinamento, non visibile all’occhio umano, ma rilevato nelle feci dal test.

La colonscopia permette la visione diretta della superficie interna dell’intestino crasso (colon-retto) e di rilevare eventuali infiammazioni, polipi, tumori, perdite di sangue (emorragie). Se necessario è possibile asportare direttamente in corso d’esame eventuali polipi o prelevare, in maniera indolore, piccoli frammenti di tessuto da esaminare.

 

Per eseguire la colonscopia viene introdotta per via anale una sonda flessibile fornita di una piccola telecamera che è fatta avanzare delicatamente; il disagio viene attenuato praticando una sedazione cosciente.

Per una buona riuscita dell’esame è necessario che l’intestino sia perfettamente pulito, cioè libero da feci e residui alimentari; per questo motivo, prima di fare l’esame occorre seguire una dieta specifica e bere una soluzione che pulisce l’intestino.

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/01/2018 — ultima modifica 16/01/2018

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali