SISEPS

Sistema Informativo Politiche per la Salute e Politiche Sociali

F.A.Q.

La FAQ è la risposta ad una domanda posta di frequente (Frequently Asked Questions).
Le domande e le risposte presenti, sono ordinate per argomento.

Per inviare una domanda utilizza il seguente link: scrivi una email

Domande e risposte

Nomenclatore SIGLA

  1. Trasferimento casi presenti in SIGLA a nuovo SIGLA, a partire dal 1.1.2018

    D.: Come è possibile trasferire i pazienti presenti in SIGLA al 31.12.2017, alla nuova piattaforma SIGLA a partire dal 1.1.2018?

    R.: I casi presenti nell’archivio SIGLA al 31.12.2017 non devono essere trasferiti nel nuovo SIGLA, che deve essere popolato dei soli casi inseriti in lista dal 1.1.2018. Il vecchio archivio non sarà più alimentato ed i pazienti in esso presenti dovranno essere ricoverati, secondo la classe di priorità assegnata, o rivalutati ed in seguito ricoverati. Le vecchie posizioni in lista verranno aggiornate periodicamente, segnalando i casi eliminati o i pazienti ricoverati, mediante invio di un apposito file.

  2. Patologie o Interventi non presenti in SIGLA

    D.: Se per una o più discipline, la diagnosi o l’intervento chirurgico, selezionata dal medico, non è presente nel nomenclatore, come ci si deve comportare?

    R.: Il caso non viene inviato alla piattaforma SIGLA, ma sarà evidenziato in una analisi aziendale che verrà messa a disposizione del RUA aziendale; qualora vi siano diagnosi/interventi non presenti, che hanno significativa frequenza, possono essere proposti per aggiornare e integrare la classificazione.

Gestione liste di attesa

  1. Classe di priorità

    D.: Come viene calcolato il tempo di attesa di un paziente che, a seguito della rivalutazione, ha avuto una modifica della priorità clinica?

    R.: Il tempo di attesa è lo spazio temporale che intercorre tra il momento in cui il paziente viene inserito in lista e il momento in cui viene ricoverato, al netto del periodo di sospensione.

    D.: Come incide il cambio di priorità sul calcolo del periodo di ricovero?

    R.: La data presunta del ricovero deve essere aggiornata.

    D.: Come si modifica lo “score” dopo una variazione di classe di priorità?

    R.: Lo “score” deve essere ricalcolato in base ai nuovi parametri assegnati.

  2. Sospensione

    D.: Si possono inserire più periodi di sospensione non contigui? Quanti periodi di sospensione si possono inserire, per lo stesso caso? Esiste un limite massimo di giorni di sospensione?

    R.: Si possono inserire più periodi di sospensione non contigui; non esiste un numero preciso di sospensioni che si possono inserire per lo stesso paziente; non esiste un numero massimo di giorni di sospensione, anche se nella SDO è possibile inviarne un massimo di 999.

    D.: È possibile prolungare un periodo di sospensione già inserito?

    R.: Sì, gli applicativi aziendali possono mandare flussi di sospensione consecutivi per allungarne la durata. In questo caso SIGLA controlla che la data di inizio del nuovo periodo di sospensione sia uguale alla data fine sospensione in corso.

    D.: È possibile ridurre un periodo di sospensione già inserito?

    R.: Sì, gli applicativi aziendali devono annullare la precedente sospensione indicando la motivazione specifica (“riduzione periodo sospensione”) e inserendo la nuova sospensione con data inizio coincidente con la precedente e con una nuova data fine. Se necessario, verrà inviato anche il messaggio di variazione data presunta ricovero.

    D.: Il paziente viene inserito in SIGLA con ‘data presunta di ricovero’. Se si inserisce un periodo di sospensione deve essere calcolata una nuova data presunta di ricovero? Se sì, come deve essere calcolata la nuova data? Se viene messo un periodo di sospensione che comprende la data presunta di ricovero (già comunicata a SIGLA) deve essere inviata una nuova data?

    R.: Se il periodo di sospensione comprende o ha impatto sulla data presunta ricovero deve essere inviato il messaggio “modifica data presunta ricovero” per la modifica della data. Il messaggio può essere inviato indifferentemente prima o dopo l’invio della sospensione in base alle esigenze organizzative.

    D.: Come si gestisce il caso di un paziente che a seguito della visita anestesiologica preoperatoria deve effettuare ulteriori accertamenti?

    R.: Il paziente che deve effettuare ulteriori accertamenti, a seguito della visita anestesiologica, rimane in lista di attesa. Dopo l’esecuzione degli accertamenti richiesti viene nuovamente valutato dall’anestesista che conclude il caso con l’indicazione di IDONEO oppure NON IDONEO.

    Il NON IDONEO non può essere operato ed esce dalla lista di attesa; in SIGLA viene gestito con l’invio del messaggio di Rimozione dalla Lista con la motivazione “Paziente non idoneo”.

    L’IDONEO viene sospeso e rimane in lista di attesa per il successivo ricovero; in SIGLA viene gestito con l’invio del messaggio di Sospensione ricovero con motivazione “Paziente non idoneo”. Il tempo di attesa sarà comunque misurato a partire dalla data di immissione in lista. Ogni evento deve trovare puntuale riscontro nel registro informatizzato.

Messaggistica HL7 - SIGLA

  1. Attivazione nuova messaggistica HL7 dal 1.1.2018

    D.: I messaggi HL7 devono essere inviati in tempo reale?

    R.: La scelta migliore sarebbe quella di inviare i messaggi con un ritardo massimo di circa un’ora o due rispetto all’evento. Questo consente di avere i dati su SIGLA in tempo reale e di poter effettuare eventuali annullamenti/correzioni prima dell’invio a SIGLA.
    In ogni caso non è richiesto che i messaggi siano sincroni con le operazioni effettuate sull’interfaccia utente, ma possono essere accodati in un buffer e spediti successivamente.

Fascicolo Sanitario Elettronico

  1. Nel messaggio di inserimento in lista deve essere dichiarata la data presunta di ricovero.

    Il Fascicolo Sanitario del paziente deduce dalla data comunicata a SIGLA il periodo di presunto ricovero sotto la forma di ‘mese/anno’.

    I pazienti che hanno due diverse date presunte di ricovero, ad esempio 01 Ottobre 2017 e 31 Ottobre 2017, avranno entrambe il periodo Ottobre 2017. È molto più probabile che per il secondo paziente il periodo di ricovero sarà in realtà Novembre 2017.

    D.: Esiste un criterio automatico più vicino alla situazione reale?

    R.: No, indipendentemente dal giorno di calendario sul FSE viene riportato il mese. Quindi se 1/10 o 31/10 verrà comunicato a FSE sempre ottobre 2017.

Rilevazione straordinaria tempi di attesa 4-16 dicembre 2017

  1. D.: Le Case di Cura private accreditate che svolgono attività chirurgica, devono partecipare alla rilevazione dei dati di monitoraggio dei tempi di attesa delle prestazioni di ricovero, come richiesto con nota PG/2017/0709727 del 09/11/2017, prevista nel periodo 4- 16 dicembre 2017?

    R.: Si, è obbligatorio.

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/10/2017 — ultima modifica 04/12/2017

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali