mercoledì 29.06.2016
caricamento meteo
Sections
E-R | Salute |

Zanzara tigre e altri insetti

testata.jpg

PROTEGGITI DALLE PUNTURE

vestitichiari.jpg

Per difendersi dalle malattie anche gravi trasmesse dalle punture delle zanzare e dei pappataci, il modo più sicuro è evitare di farsi pungere. Bastano alcuni semplici accorgimenti.

prodotto.jpgABBIGLIAMENTO E PRODOTTI REPELLENTI

  • Gli strumenti di protezione individuale più efficaci sono gli indumenti e i prodotti repellenti per gli insetti.
  • I repellenti vanno applicati sulle parti scoperte del corpo: per utilizzarli correttamente è fondamentale rispettare dosi e modalità riportate nelle istruzioni in etichetta.
  • Per evitare le punture è consigliabile vestirsi sempre di colori chiari, indossare pantaloni lunghi, maglie a maniche lunghe, e non utilizzare profumi.
  • È consigliabile ridurre al minimo la presenza delle zanzare all’interno delle abitazioni utilizzando zanzariere, condizionatori e apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine o zampironi, ma sempre con le finestre aperte.

IMPARA A LEGGERE LE ETICHETTE DEI PRODOTTI PIÙ EFFICACI

Picaridina/icaridina (KBR 3023)

I repellenti in commercio a base di picaridina/icaridina hanno una concentrazione di prodotto tra il 10 e il 20% e un’efficacia di circa 4 ore o più. In caso di uso non corretto, la picaridina/icaridina ha un minore potere irritante per la pelle rispetto al DEET (vedi punto successivo).

Sono disponibili in commercio prodotti destinati anche ai bambini. Non degrada la plastica e non macchia i tessuti. È efficace anche contro le zecche.

Dietiltoluamide (DEET)

È presente in commercio a varie concentrazioni dal 7 al 33,5%. Una concentrazione media del 24% conferisce una protezione fino a 5 ore.
L’uso dei repellenti a base di DEET non è indicato per i bambini ma solo per persone al di sopra dei 12 anni.
Non sono disponibili studi sull’impiego di DEET nel primo trimestre di gravidanza. Un uso non corretto del repellente può essere causa di dermatiti, reazioni allergiche o, anche se raramente, neurotossicità.
L’applicazione di prodotti a base di DEET può ridurre l’efficacia di filtri solari: in caso di necessità, utilizzare prima la crema solare poi il repellente. Il DEET può danneggiare materiale plastico e abbigliamento in fibre sintetiche. Il DEET è efficace anche contro le zecche e le pulci.

PREVIENI LA DIFFUSIONE

Per proteggersi dalle malattie anche gravi trasmesse dalle punture delle zanzare e dei pappataci è necessario contrastare la proliferazione di questi insetti con alcune semplici azioni.

EVITA I RISTAGNI D’ACQUA

Alle zanzare basta pochissima acqua stagnante per depositare le uova e riprodursi. Un sottovaso, un tombino, un secchio, sono tutti luoghi ideali per lo sviluppo delle larve di zanzara. Perciò si deve evitare ogni ristagno d’acqua rimuovendo tutti gli oggetti che possono contenere acqua anche solo occasionalmente.

I pappataci prediligono i luoghi umidi e ombreggiati. Per contrastarne lo sviluppo evitare gli accumuli di sfalci d’erba e di materiali organici.

USA PERIODICAMENTE I PRODOTTI LARVICIDI

  • Quando non è possibile evitare ristagni di acqua (come nei pozzetti stradali, nelle caditoie, nei tombini, ecc.) si deve ricorrere ai prodotti larvicidi. Questi devono essere utilizzati da aprile a novembre con cadenza periodica, secondo le indicazioni riportate sulle confezioni.
  • I prodotti larvicidi sono facilmente reperibili in commercio, nei negozi specializzati o nelle farmacie.
  • Non usare il rame come larvicida, ha scarsa efficacia.

RICORDA QUESTI SEMPLICI ACCORGIMENTI

Balconi, cortili, giardini, parchi, cimiteri, orti. Ecco come evitare la proliferazione di zanzare e pappataci.

CONSIGLI PER CHI VIAGGIA

Per proteggersi dalle malattie anche gravi trasmesse dalle punture delle zanzare e dei pappataci, chi visita determinati Paesi deve seguire alcune precauzioni generali.

VIRUS E PARASSITI

COSA FARE DURANTE IL VIAGGIO

  • accertarsi che vi siano reti alle finestre e/o zanzariere nelle stanze in cui si soggiorna (meglio se impregnate con insetticidi)
  • avere con sé un insetticida
  • indossare vestiti di colore chiaro che non lascino scoperte parti del corpo (camicie con maniche lunghe, pantaloni lunghi, ecc.)
  • utilizzare repellenti sulle parti del corpo che restano scoperte
  • evitare l’uso di profumi

COSA FARE DOPO IL VIAGGIO

Al rientro dal viaggio, in caso di febbre di qualsiasi natura, soprattutto se accompagnata da dolori articolari, si raccomanda ai viaggiatori di segnalare i Paesi visitati al proprio medico o alla struttura ospedaliera a cui ci si è rivolti.

I materiali informativi

"Proteggiti dalle punture"

"Previeni la proliferazione"

"Consigli per chi viaggia"

Il video

La locandina

La pagina di Saluter dedicata alla campagna

Azioni sul documento
Pubblicato il 26/06/2014 — ultima modifica 25/07/2014

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali