Seguici su

Concorso pubblico straordinario per nuove farmacie

Assegnazione sedi a seguito del diciassettesimo ed ultimo interpello e conclusione della procedura concorsuale         

Con determinazione n. 7158 del 15/04/2022 del Direttore Generale Cura della Persona, Salute e Welfare:

•  sono assegnate le due sedi farmaceutiche accettate nel 17° e ultimo interpello;

•  sono escluse le candidature che non hanno risposto al 17° interpello o che non hanno partecipato alla successiva procedura di accettazione;

•  sono dichiarati decaduti dall’assegnazione i farmacisti che non hanno aperto la sede assegnata in seguito al tredicesimo interpello;

•    sono rese note le sedi che risultano non assegnate al termine della procedura concorsuale e le sedi assegnate per le quali sono ancora pendenti i termini di apertura (Allegato E). 

 

La L. n. 19/2017 ha stabilito che la graduatoria deve essere utilizzata per sei anni a partire dalla data del primo interpello, effettuato nella Regione Emilia-Romagna il 10 gennaio 2016. Tenuto conto della sospensione di 83 giorni dei termini per i procedimenti amministrativi di cui all’art. 103 del D.L. n. 18 /2020 e all’art. 37 del D.L. 23/2020, la graduatoria è stata utilizzata fino al 2 aprile 2022 ed è ora scaduta.

Le sedi farmaceutiche non assegnate e le sedi assegnate eventualmente non aperte entro il previsto termine di legge (allegato E (pdf144.3 KB) determina n. 7158/2022), sono incardinate nelle piante organiche dei rispettivi comuni e, pertanto, in occasione della revisione della pianta organica delle farmacie – anno 2022 - in corso, di competenza dei rispettivi Comuni, potranno:

-              essere soppresse, qualora in base alla popolazione residente risultino soprannumerarie o istituite con i resti;

-              essere prelazionate dai rispettivi Comuni, qualora tale diritto sussista, in applicazione del principio di alternanza;

-              se non soppresse o non prelazionate dal Comune, risultare disponibili per il privato esercizio e dunque essere oggetto della procedura di trasferimento di farmacie soprannumerarie (art. 2, comma 2 bis, L. 475/1961) da espletare nel 2023; successivamente, le sedi non assegnate o non aperte in esito alla procedura di trasferimento confluiranno nella procedura di concorso ordinario regionale

-              risultare assegnate in attesa di apertura senza ulteriori specifiche. Queste sedi, in caso di mancata apertura entro i termini, resteranno vacanti e la decisione relativa all’eventuale soppressione o prelazione ovvero l’indicazione come sedi disponibili per il privato esercizio è rinviata alla successiva revisione della pianta organica delle farmacie, relativa all’anno 2024.

Le farmacie aperte 

Le farmacie effettivamente aperte alla data del 15/04/2022 sono 139.

Le 139 farmacie aperte (pdf159.5 KB)


Altri documenti:  

 Criteri commissione giudicatrice (pdf173.58 KB)
 Fac simile modulo per la richiesta di accesso agli atti (doc42.5 KB)

Candidature in forma associata: la titolarità della farmacia ai singoli farmacisti 

Le delibere di Giunta regionale n. 2083/2015 e n. 634/2016 chiariscono che:

- in caso di partecipazione al concorso in forma associata la titolarità della farmacia viene riconosciuta ai singoli farmacisti, quindi alle persone fisiche, non alla società eventualmente costituita per la gestione della farmacia;

- l’assegnazione della sede è strettamente personale e non può essere ceduta o trasferita ad altri per dieci anni decorrenti dalla comunicazione dell’assegnazione stessa (salvo il caso di morte o sopravvenuta incapacità di uno dei co-assegnatari);

- è vietato il cumulo di due o più autorizzazioni in una sola persona, quindi ciascuno dei singoli partecipanti non potrà cedere o trasferire ad altri la propria quota di autorizzazione, né potrà essere titolare pro quota o per intero di altre autorizzazioni, a pena di decadenza dell’intera autorizzazione nei confronti anche di tutti gli altri componenti il gruppo;

- il rispetto del divieto di cumulo di due o più titolarità di farmacia è rilevato dal Comune al momento della verifica dell’insussistenza di cause di incompatibilità, necessaria per il riconoscimento della titolarità delle farmacie ai sensi dell’Art. 10 della LR 2/2016;

- nei 180 giorni successivi alla notifica dell’avvenuta assegnazione della sede, per poter ottenere dal Comune l’autorizzazione all’apertura e all’esercizio della farmacia, i farmacisti assegnatari dovranno rimuovere le eventuali situazioni di incompatibilità sussistenti e, diversamente, decadranno dall’assegnazione;

- in qualunque momento successivo all’assegnazione della sede emerga il cumulo di due o più titolarità di farmacia in capo a un assegnatario, l’assegnatario stesso – e i co-assegnatari della medesima sede in caso di partecipazione in gruppo – decadono dall’assegnazione della sede data con il presente concorso.  

Il Consiglio di Stato dapprima con sentenza n. 2804/2019 (pdf92.14 KB), poi con la sentenza n. 1 dell’Adunanza plenaria del 17/1/2020 (pdf302.56 KB) ha confermato la correttezza e la legittimità dell’attribuzione della titolarità della farmacia ai singoli farmacisti, affermando che:

  • "la Regione, all'esito del concorso straordinario, è tenuta ad assegnare anche formalmente la titolarità della farmacia a quegli stessi farmacisti persone fisiche, che hanno a tale titolo partecipato al concorso straordinario (seppure nella forma della "gestione associata"), salvo il diritto/dovere, in capo ad essi, di gestire l'attività imprenditoriale farmaceutica in forma collettiva secondo le sole modalità consentite dall'ordinamento (art. 7 comma 1 della legge 362/1991)".  
  • la regola della non cumulabilità o dell’alternatività nella scelta tra l’una e l’altra sede, vale per tutti i farmacisti che partecipano al concorso straordinario, che concorrano sia singolarmente che per la gestione associata.

NOTA - Si informa che per effetto dell'art. 1 comma 163 della legge n. 124 del 4 agosto 2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza), si è ridotto a tre anni (dalla data di autorizzazione all'apertura della farmacia) il vincolo per i vincitori del concorso a mantenere la gestione associata.

 

Informazioni importanti

Interpelli

Provvedimenti regionali

Determina n. 7158 del 15/04/20222 “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: assegnazione sedi a seguito del diciassettesimo ed ultimo interpello e conclusione della procedura concorsuale”

Determina n. 4712 del 14/03/2022 “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: assegnazione sedi in seguito al sedicesimo interpello”

Determina n. 2749 del 16/02/2022 “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: conclusione del sedicesimo interpello e individuazione sedi disponibili per il diciassettesimo e ultimo interpello”

Determina n. 2547 del 11/02/2022 “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: assegnazione sedi in seguito al quindicesimo interpello”

Determina n. 926 del 20/01/2022 “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: assegnazione sede n. 2 di Cadeo”

Determina n. 22595 del 16/12/2020: “Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: rettifica della graduatoria finale dei candidati gia' approvata con determinazione n. 8984 del 27/05/2020, conclusione del nono interpello e individuazione sedi disponibili per il decimo”

Determina n. 15878 del 03/09/2019: "Concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia Romagna: disposizioni relative ai prossimi interpelli e alle modalità di controllo dei dati dichiarati dagli interessati”

Dgr n. 1350/2017: "Disposizioni in materia di indennità di avviamento e di rilievo degli arredi, medicinali, provviste e dotazioni di farmacie che non siano di nuova istituzione (a seguito dell'entrata in vigore della legge regionale 3 marzo 2016, n. 2)" 

 Dgr n. 634/2016: "Concorso regionale straordinario per l'assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna: disciplina delle procedure di competenza dei Comuni successive all'assegnazione delle sedi" (pdf217.59 KB)

Dgr n. 2083/2015: "Concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio in Emilia-Romagna: determinazioni in ordine all'interpello e all'assegnazione delle sedi farmaceutiche" (pdf387.46 KB)

Bando del concorso [allegato 1, determina n. 60/2013] (pdf52.27 KB)

Determina n. 60/2013 (pdf422.11 KB)

Altri provvedimenti regionali 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/06 10:00:00 GMT+2 ultima modifica 2022-04-28T08:53:25+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?