Seguici su

Lopinavir/ritonavir

Lopinavir, Inibitore delle proteasi boosterato con ritonavir, ha dimostrato la sua efficacia nell’ambito della ART per il trattamento dell’HIV.

Presupposti per l'utilizzo nella COVID-19

  • Diversi inibitori delle proteasi attualmente utilizzati per la terapia dell’HIV (lopinavir - LPV - darunavir - DRV -  atazanavir, - ATV- ) possono,  legandosi e inattivando  le proteasi 3CLpro e PL2pro, inibire la replicazione virale; la proteasi 3CLpro è un obiettivo molecolare essenziale anche per la replicazione dei  coronavirus.  
  • Modelli animali suggeriscono che l'inibizione della proteasi 3CLpro in animali in condizioni critiche si associa ad un miglioramento. 
  • Presenta qualche dato di efficacia su piccole casistiche (associato o meno alla ribavirina) sul coronavirus responsabile della SARS- CoV-1 o della MERS-CoV.
  • Esistono evidenze aneddotiche e case report pubblicati su singoli pazienti; un case report su 5 pazienti affetti da COVID19 trattati a Singapore, mostra che 3/5 hanno avuto una apparente buona e rapida risposta.
  • Una revisione della letteratura pubblicata nel 2020 (solo in lingua cinese) e riportata nella LG appena pubblicata in Cina sembra concludere per un’efficacia del lopinavir/ritonavir nel trattamento delle infezioni da coronavirus nel ridurre mortalità e consumo di glucocorticoidi se usato precocemente.

Vedi scheda AIFA

Bibliografia

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/04/06 10:48:00 GMT+2 ultima modifica 2020-05-08T13:57:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?