Seguici su

Pamrevlumab

Pamrevlumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che si lega al fattore di crescita del tessuto connettivo (connective tissue growth factor, CTGF).

 

Presupposti per l'utilizzo nella COVID-19:

  • il CTGF (connective tissue growth factor; CCN2) è coinvolto in processi di essudazione capillare, attraverso l'alterazione della permeabilità dei capillari sanguigni e fibrosi tissutale attraverso la migrazione di cellule che liberano citochine pro-infiammatorie. Pertanto, il presupposto teorico, per l'uso di pamrevlumab, si basa sul blocco degli effetti mediati dal CTGF, con possibile regressione dell'edema e blocco della degenerazione fibrotica del tessuto polmonare nei pazienti con polmonite bilaterale da COVID-19
  • non sono disponibili in questo momento studi che ne abbiano valutato l'efficacia nelle polmoniti virali. Studi nell'animale su polmoniti indotte da radiazioni indicano una rapida regressione dell'edema.
    Studi condotti in animali nati prematuri con un anticorpo che condivide il meccanismo d'azione del pamrevlumab sembrano indicare un effetto positivo sullo sviluppo del polmone immaturo riducendo il danno da iperossia.
  • sono in corso o hanno da poco prodotto risultati studi che ne stanno valutando efficacia e sicurezza in patologie in cui è implicato il CTGF, tra cui: fibrosi polmonare idiopatica, carcinoma del pancreas, malattia di Duchenne. 

Da questi studi è derivata la posologia in questo momento in valutazione nel trattamento della polmonite da COVID-19.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/06/09 21:37:50 GMT+2 ultima modifica 2020-06-09T21:37:51+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?