Corso base di emergenza sanitaria territoriale

Entro il 29 dicembre 2018 le domande per partecipare ai corsi regionali per l'idoneità a svolgere l'attività di Emergenza Sanitaria Territoriale


Sono stati pubblicati sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna (Burert) - parte terza - n. 393 del 14 dicembre 2018 gli avvisi per la partecipazione ai corsi regionali che consentiranno di conseguire l'idoneità a svolgere l'attività di emergenza sanitaria territoriale.

Possono presentare domanda, entro il 29 dicembre 2018, i laureati in medicina e chirurgia, iscritti all'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, a fronte della presentazione di un curriculum formativo e professionale, che intendano svolgere attività emergenza sanitaria territoriale convenzionata (118, emergenza territoriale, Pronto soccorso, medicina d’urgenza).

Ad ogni singolo corso possono accedere al massimo 24 medici, per complessivi 72 posti.


Obiettivi del corso

-riconoscimento e trattamento del paziente critico dall’evento alla stabilizzazione delle funzioni vitali

-gestione logistica e organizzativa delle situazioni di emergenza-urgenza extra-intra-ospedaliere

In particolare:

1. Saper assistere un paziente
  • a domicilio
  • all’esterno
  • su un mezzo di soccorso
  • in ambulatorio e in reparto

2. Saper diagnosticare e trattare un paziente

  • in arresto cardiorespiratorio (secondo le linee guida internazionali)
  • con insufficienza respiratoria acuta (dall’uso dei farmaci, intubazione oro-tracheale alla tricotomia, CPAP, ventilazione non invasiva e invasiva)
  • politraumatizzato o trauma maggiore (trattamento del pnx, accessi venosi centrali, ecc)
  • in stato di shock
  • in coma o altre patologie neurologiche o psichiatriche
  • con dolore toracico (SCA e diagnosi differenziale)
  • con aritmie cardiache
  • emorragico (emorragie digestive e rottura di aneurisma, emoftoe)
  • con emergenza ostetrico-ginecologica
  • con emergenza pediatrica
  • con emergenza ambientale o tossicologica

3. Conoscere le tecniche di estricazione e immobilizzazione del paziente traumatizzato
4. Avere nozioni e manualità per la piccola chirurgica e la traumatologia minore (ferite, ustioni, contusioni, fratture lussazioni, ecc.)
5. Conoscere le implicazioni medico-legali nell’attività dell’emergenza (responsabilità nei diversi momenti operativi)
6. Essere a conoscenza dell’organizzazione dell’emergenza territoriale e dei servizi con essa coinvolti e in particolare dei criteri di centralizzazione
7. Avere nozioni riguardo ai problemi di pianificazione delle urgenze/emergenze in caso di macro e maxiemergenza
8. Saper usare la tecnologia connessa con l’emergenza territoriale
9. Conoscere i percorsi diagnostico-gestionali intraospedalieri per pazienti critici in base al livello delle diverse strutture

L’acquisizione dell’attestato di partecipazione al corso permetterà di partecipare agli incarichi convenzionali vacanti e agli incarichi a tempo determinato nelle Aziende USL.


Moduli e modalità di presentazione delle domande

Il corso è a numero chiuso; i requisiti di ammissione e le priorità di accesso al corso, nonché l’ulteriore, eventuale, selezione da parte della Commissione istituita presso ogni Azienda USL organizzatrice, che provvederà ad una valutazione dei titoli posseduti e del curriculum formativo e professionale da parte dei singoli medici aspiranti alla partecipazione, sono declinati negli avvisi per la partecipazione ai seguenti links:


Strutturazione del corso in 2 fasi

1) Incontri didattici teorico-pratici e corsi certificati: ALS, PTC, BLSD e PBLSD, per complessive 194 ore

2) Attività professionalizzanti MET: da acquisire con tirocini e periodo di pratica di 332 ore                  

I moduli didattici teorici sono classificati almeno in uno a settimana in coerenza alle norme dell’Accordo Collettivo Nazionale (A.C.N.) per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale 23 marzo 2005 e s.m.i. che prevedono una durata minima del corso di 4 mesi, per un orario complessivo non inferiore a 300 ore.

Alcuni moduli potranno essere tradotti in video formazione e progettabili anche in tempi veri in forma di FAD. Particolarmente rilevanti sono i moduli in presenza per addestramento pratico inerente i corsi certificativi ALS, Pediatrico avanzato, PTC avanzato.

 

Per informazioni:

  •  Azienda USL di Piacenza: U.O. Dart dell’AUSL di Piacenza ai seguenti numeri: 0523 317613 - 0523 317609.
  • Azienda USL di Bologna: Dipartimento Cure Primarie dell’AUSL di Bologna ai seguenti numeri: 051 6584663-051 6584661, il lunedì/mercoledì/venerdì dalle 9 alle 12. Il martedì e giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 16.
  • Azienda USL della Romagna: n. 0541 707081, mail: emergenza.territoriale@auslromagna.it

 

Dgr 2110/2018

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/12/2017 — ultima modifica 14/12/2018

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali