Corso base di emergenza sanitaria territoriale

Entro il 3 luglio 2019 le domande per partecipare ai corsi regionali per il conseguimento dell'idoneità a svolgere l'attività di Emergenza Sanitaria Territoriale


Sono stati pubblicati sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna (Burert) - parte terza - n. 198 del 19 giugno 2019 - gli avvisi per la partecipazione ai corsi regionali che consentiranno di conseguire l'idoneità a svolgere l'attività di emergenza sanitaria territoriale.

Possono presentare domanda, entro il 3 luglio 2019, i laureati in medicina e chirurgia, iscritti all'Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, a fronte della presentazione di un curriculum formativo e professionale, che intendano svolgere attività emergenza sanitaria territoriale convenzionata (118, emergenza territoriale, Pronto soccorso, medicina d’urgenza).

Ad ogni singolo corso possono accedere al massimo 24 medici.


Obiettivi del corso

-riconoscimento e trattamento del paziente critico dall’evento alla stabilizzazione delle funzioni vitali

-gestione logistica e organizzativa delle situazioni di emergenza-urgenza extra-intra-ospedaliere

In particolare:

1. Saper assistere un paziente
  • a domicilio
  • all’esterno
  • su un mezzo di soccorso
  • in ambulatorio e in reparto

2. Saper diagnosticare e trattare un paziente

  • in arresto cardiorespiratorio (secondo le linee guida internazionali)
  • con insufficienza respiratoria acuta (dall’uso dei farmaci, intubazione oro-tracheale alla tricotomia, CPAP, ventilazione non invasiva e invasiva)
  • politraumatizzato o trauma maggiore (trattamento del pnx, accessi venosi centrali, ecc)
  • in stato di shock
  • in coma o altre patologie neurologiche o psichiatriche
  • con dolore toracico (SCA e diagnosi differenziale)
  • con aritmie cardiache
  • emorragico (emorragie digestive e rottura di aneurisma, emoftoe)
  • con emergenza ostetrico-ginecologica
  • con emergenza pediatrica
  • con emergenza ambientale o tossicologica

3. Conoscere le tecniche di estricazione e immobilizzazione del paziente traumatizzato
4. Avere nozioni e manualità per la piccola chirurgica e la traumatologia minore (ferite, ustioni, contusioni, fratture lussazioni, ecc.)
5. Conoscere le implicazioni medico-legali nell’attività dell’emergenza (responsabilità nei diversi momenti operativi)
6. Essere a conoscenza dell’organizzazione dell’emergenza territoriale e dei servizi con essa coinvolti e in particolare dei criteri di centralizzazione
7. Avere nozioni riguardo ai problemi di pianificazione delle urgenze/emergenze in caso di macro e maxiemergenza
8. Saper usare la tecnologia connessa con l’emergenza territoriale
9. Conoscere i percorsi diagnostico-gestionali intraospedalieri per pazienti critici in base al livello delle diverse strutture

L’acquisizione dell’attestato di partecipazione al corso permetterà di partecipare agli incarichi convenzionali vacanti e agli incarichi a tempo determinato nelle Aziende USL.


Modalità di presentazione delle domande

Il corso è a numero chiuso; i requisiti di ammissione e le priorità di accesso al corso, nonché l’ulteriore, eventuale, selezione da parte della Commissione istituita presso ogni Azienda USL organizzatrice, che provvederà ad una valutazione dei titoli posseduti e del curriculum formativo e professionale da parte dei singoli medici aspiranti alla partecipazione, sono declinati negli avvisi per la partecipazione ai seguenti link:


Strutturazione del corso in 2 fasi

1) Incontri didattici teorico-pratici e corsi certificati: ALS, PTC, BLSD e PBLSD, per complessive 194 ore

2) Attività professionalizzanti MET: da acquisire con tirocini e periodo di pratica di 332 ore                  

I moduli didattici teorici sono classificati almeno in uno a settimana in coerenza alle norme dell’Accordo Collettivo Nazionale (A.C.N.) per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale 23 marzo 2005 e s.m.i. che prevedono una durata minima del corso di 4 mesi, per un orario complessivo non inferiore a 300 ore.

Alcuni moduli potranno essere tradotti in video formazione e progettabili anche in tempi veri in forma di FAD. Particolarmente rilevanti sono i moduli in presenza per addestramento pratico inerente i corsi certificativi ALS, Pediatrico avanzato, PTC avanzato.

 

Per informazioni:

  • AUSL Parma: S.S.D. Personale Convenzionato dell’Azienda USL di Parma ai seguenti numeri: 0521/393713 0521/393597 ovvero scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica ssdpersonaleconvenzionato@ausl.pr.it
  • AUSL Ferrara: Servizio Formazione Professionale Interaziendale dell’Azienda USL di Ferrara ai seguenti numeri: 0532/235373 – 0533/723258 ovvero scrivere al seguente indirizzo di posta elettronica: formazione@ausl.fe.it 
    All’Azienda U.S.L. di Ferrara - Servizio Comune Gestione del Personale - Via Cassoli n.30 - 44121Ferrara PEC: risorseumanegiuridico@pec.ausl.fe.it 
  • AUSL Romagna: 0541/707081, mail: emergenza.territoriale@auslromagna.it

 

Dgr 9041/2019

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/12/2017 — ultima modifica 26/06/2019

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali