Seguici su

Notizie Azienda Ospedaliero-Universitaria Modena

Un nuovo ecografo per la Gastroenterologia del Policlinico di Modena

Un’apparecchiatura ad altissime prestazioni che consente diagnosi multidisciplinari di tipo qualitativo e quantitativo sulla rigidità ed elasticità dei tessuti decisiva nello studio della fibrosi epatica
18/08/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Chirurgia robotica, l’Urologia modenese al Convegno della Società internazionale

L’Urologia dell’Ospedale Civile, diretta dal prof. Bernardo Rocco, protagonista del convegno internazionale della Society of Robotic Surgery (SRS), che come ogni anno si riunisce nei mesi estivi per un evento interdisciplinare che vede coinvolte tutte le branche della chirurgia accomunate da un denominatore comune: la tecnologia robotica. Sono stati 10.000, i partecipanti in maniera “virtuale”, collegati da tutto il mondo dal 31 luglio al 2 agosto.
18/08/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena)

Importante progetto di ricerca finanziato dal Ministero della Sanità nell'ambito del bando nazionale COVID-19

Il progetto dal titolo "Alterazioni dell'endotelio, dei neutrofili e del complemento associate al danno acuto e cronico nella polmonite COVID-19 integrate con approcci di machine learning"è uno dei 10 progetti nazionali finanziati dal Ministero della Sanità nell'ambito del Bando Ricerca Covid-19 . Nella graduatoria finale è stato riconosciuto come quarto migliore progetto nazionale dopo la valutazione di esperti, anche internazionali, e il finanziamento ottenuto dal Ministero della Sanità è pari a 738.536,36 Euro. Il progetto nasce da una collaborazione tra l'Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia e Unimore con la partecipazione delle Aziende Ospedaliero - Universitarie di Modena, Parma e Monza e l'IRCCS Istituto Auxologico di Milano.
18/08/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Il grazie degli ospedali modenesi a Otello Burani e Maria Giovetti

L'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena desidera esprimere il proprio cordoglio per la scomparsa di Otello Burani, avvenuta nei giorni scorsi, alcuni mesi dopo la morte della moglie Maria Giovetti. "Un gesto di riconoscenza verso la nostra terra". Questa frase riassume il pensiero che spinse i coniugi Otello Burani e Maria Giovetti a compiere, nel 2013, uno straordinario gesto di generosità verso il Policlinico di Modena. "Ho capito che l'ospedale aveva bisogno di un rinnovato Centro Trapianti e non ho avuto più dubbi: dopo aver preso la decisione, mi sono sentito bene, mi sono sentito leggero ".
18/08/2020 — (Fonte: Azienda Ospedealiero - Universitaria di Modena)

MUT: la classificazione ecografica dei noduli tiroidei che porta il nome di Modena

La classificazione utilizzata nell'Endocrinologia dell'Ospedale Civile di Baggiovara pubblicata su Frontiers in Endocrinology. Consente di selezionare, in maniera semplificata, i noduli da sottoporre ad ulteriore approfondimento diagnostico, in particolare all'agoaspirato tiroideo
27/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Nuovi Acceleratori Lineari, oltre 1000 trattamenti nella Radioterapia dell’AOU di Modena

Oltre 1000 trattamenti in 24 mesi . Questo il bilancio dei due nuovi acceleratori lineari, installati nell'agosto del 2017 e nel giugno del 2019 nella Radioterapia dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal prof. Frank Lohr. Dati che mostrano l’importanza di questo upgrade tecnologico, finanziato in parte grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, alla Regione Emilia-Romagna e all’AOU di Modena.
14/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Torna “Un gelato per gli Eroi”: Slurp vicino all’Ospedale Civile di Baggiovara

Oggi, lunedì 13 luglio, dalle 11,00 alle 19,30, la gelateria Slurp di viale Trento e Trieste, lunedì 13 luglio si trasferisce all’Ospedale Civile di Baggiovara con “Un gelato per gli eroi”, l’evento ideato per portare un po’ di dolcezza a tutto il personale dell’ospedale. Medici, infermieri, operatori sanitari di ogni sorta, tecnici, ma anche impiegati, manutentori e addetti alle pulizie. Torna, quindi, l’iniziativa già svolta con successo al Policlinico, il 22 giugno.
13/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Primo trapianto di fegato per metastasi epatiche a Modena

Un passo importante per la cura del tumore del colon con metastasi epatiche che porta la firma dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena. Alla fine del mese di maggio è stato infatti eseguito il primo trapianto di fegato a Modena per metastasi epatiche da adenocarcinoma del colon dal prof. Fabrizio Di Benedetto di UNIMORE, direttore della Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e dei Trapianti di Fegato dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, e la sua equipe, col supporto anestesiologico dell’equipe di Anestesia e Rianimazione diretta dal Prof. Massimo Girardis di UNIMORE e del personale del Blocco Operatorio. Il paziente sta bene ed è stato dimesso.
13/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

La fragilità dei pazienti condiziona la prognosi delle polmoniti da SARS-CoV-2

L'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena ancora in prima linea nella ricerca sul SARS-CoV-2. La Struttura Complessa di Malattie dell'Apparato Respiratorio del Policlinico, diretta dal prof. Enrico Clini di UNIMORE, è uno degli undici centri, unico italiano, ad aver partecipato allo studio del Regno Unito coordinato dall'Università di Cardiff e dal dott. Johnatan Hewitt (primo autore del lavoro), che ha coinvolto circa 2.000 pazienti e che è stato pubblicato sul numero di luglio di The Lancet Public Health. Questa ricerca - che per il centro di Modena è stata condotta dalla dottoressa Alessia Verduri di Malattie Apparato Respiratorio, con il supporto delle Malattie Infettive dirette dalla prof.ssa Cristina Mussini di UNIMORE e grazie alla preziosa collaborazione del prof. Giovanni Guaraldi di UNIMORE - ha dimostrato per prima come la prognosi a breve termine dei pazienti ricoverati in ospedale per polmonite da COVID-19 sia legata in maniera significativa alla fragilità individuale, e non tanto all'età o alla presenza di co-morbilità croniche come già documentato da studi recenti.
10/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Hub nazionale e regionale di Terapia Intensiva: SESAMO dona due letti elettrici e tre sollevatori all'Ospedale Civile

Proseguono i lavori di realizzazione delle strutture del nuovo HUB nazionale e regionale delle terapie intensive voluto per far fronte all'emergenza COVID19, che vedrà la realizzazione di 48 posti letto complessivi di Terapia Intensiva, 18 all'Ospedale Civile di Baggiovara e 30 al Policlinico di Modena. Mentre il cantiere del Policlinico comincia a lavorare alacremente, quello dell'Ospedale Civile è terminato e in fase di collaudo. Stamattina, la struttura di Baggiovara è stata visitata da una rappresentanza di SESAMO, il consorzio di aziende che è assegnatario della gestione dei servizi, che ha donato due letti elettrici e tre sollevatori alla struttura, per un valore complessivo di circa 40.000 euro
08/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Piero Ferrari sostiene la Terapia Intensiva dell’Ospedale di Baggiovara

Piero Ferrari ancora una volta vicino alla Sanità Modenese . Dopo l’impegno profuso nel 2018 – insieme ad altre realtà del territorio – nell’acquisto della nuova Risonanza magnetica da 3 tesla, infatti, l’Ing. Ferrari ha donato due apparecchiature all’avanguardia alla Terapia Intensiva dell’Ospedale Civile di Baggiovara
01/07/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Barriere di plexiglass per il Poliambulatorio di Neurologia dell’Ospedale Civile

Due barriere in plexiglass sono state donate dalla ditta Motta Serramenti di Cavezzo al front office del Poliambulatorio 1 dell’Ospedale Civile di Baggiovara, dove il personale infermieristico accogli dove si svolgono la maggior parte delle visite e diagnostiche per i pazienti esterni della Neurologia. Una delle barriere è stata installata per il front office infermieristico, l’altra per l'ambulatorio di logopedia.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Italpizza sostiene gli ospedali modenesi

Italpizza vicina agli ospedali modenesi. In queste settimane, infatti, l’azienda ha donato oltre 2.000 pizze ai sanitari impegnati nella lotta al COVID19. La prima consegna è stata fatta il 17 aprile scorso. Puntualissime, le altre donazioni sono state consegnate il 27 aprile, il 6, il 12, il 19 e il 27 maggio. Le pizze sono state distribuite dalla Direzione Servizi per l’Ospitalità dell’AOU di Modena ai sanitari.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Marcatori predittivi della malattia COVID, due studi di UNIMORE pubblicati su Critical Review in Laboratory Sciences e su Medical Hypothesis

È possibile identificare quali possono essere i pazienti maggiormente a rischio di sviluppare la forma più severa di complicanze da COVID19? I ricercatori della Patologia Clinica di UNIMORE, guidata dal prof. Aldo Tomasi, hanno studiato le potenzialità dell’Omocisteina quale marcatore predittivo di malattia Covid severa
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Danni polmonari da fumo di Cannabis studio Unimore e Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena

Il fumo di Cannabis crea danni polmonari simili a quelli provocati dal tabacco, ma in un tempo decisamente inferiore, è quanto è emerso da uno studio condotto dai ricercatori di Unimore e dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena. L'aspetto che maggiormente preoccupa è che i pazienti sono giovani. Alla guida della ricerca il prof. Alessandro Stefani di Unimore e la dott.ssa Simona Guerzoni dell'AOU di Modena.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Porfiria, farmaco innovativo all'AOU di Modena

Il Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e la Cura della Porfirie, afferente all'UO di Medicina Interna diretta dal prof. Antonello Pietrangelo, ha ricevuto l'autorizzazione da parte di AIFA l'autorizzazione a sperimentare Givosiran (Givlaari®) per un giovane paziente affetto da una forma particolarmente grave di Porfiria Acuta Intermittente, una malattia rara, ereditaria, del fegato, la forma più comune (circa l'80% dei casi) di porfiria epatica acuta. Il farmaco è stato somministrato a un paziente di origini marocchine di 12 anni, nato e residente nella nostra provincia. Il Centro Porfirie dell'AOU di Modena è l'unico in Italia a partecipare alla sperimentazione di fase tre del farmaco, cominciata due anni fa e che finirà entro il 2020. Ad oggi, al Policlinico, sono stati trattati 6 pazienti con questo farmaco con risultati assolutamente eccellenti in termini di efficacia e di tollerabilità.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Hub nazionale terapie intensive: cominciano i lavori al Policlinico di Modena

Proseguono i lavori per la realizzazione dei nuovi reparti di Terapia Intensiva che vede l'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modenaparte dell'HUB nazionaleche verrà realizzato per l'emergenza COVID . Mentre la struttura da 18 posti realizzata nei pressi dell'Ospedale Civile è ormai compiuta, mercoledì 3 giugno cominceranno i lavori per quella da 30 posti letti che sorgerà a fianco della Chiesa del Policlinico, sul lato di via Campi e che sarà pronta entro fine di luglio.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

5,3 milioni di grazie dai nostri ospedali

L'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena desidera ringraziare pubblicamente tutti coloro che in due mesi hanno donato 5,3 milioni di euro, tra contanti, beni e attrezzature, agli ospedali cittadini . Si è trattato di uno sforzo comune, che ha unito privati cittadini, associazioni, imprese in una gara per sostenere il nostro sistema sanitario che in questo momento è in prima linea nella battaglia contro il COVID-19. Circa2,8 milioni di euro sono donazioni in denaro ,oltre 500 mila euro sono donazioni in natura (non solo mascherine, gel igienizzante e presidi, ma anche pizze, gelati, focacce, uova e colombe pasquali),quasi 2 milioni sono attrezzature mediche.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Alleanza tra ENGIE Italia e gli Ospedali della Provincia di Modena

L'Ospedale Civile di Baggiovara dell'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena e gli Ospedali di Carpi e di Mirandola dell'Azienda USL sono tra le strutture sanitarie a cui ENGIE Italia ha offerto energia e servizi tecnici per aiutare la Sanità pubblica impegnata nell'emergenza COVID19. In totale, sono 95 strutture sanitarie interessate, presenti sull'intero territorio nazionale da Nord a Sud, isole comprese.
26/05/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Coagulazione e Coronavirus: due nuove sperimentazioni in Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in prima linea nella sperimentazione di nuovi approcci terapeutici per affrontare il COVID19. Nei giorni scorsi, l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha dato parere positivo all’attivazionedi due protocolli di ricerca che riguardano i farmaci che intervengono sul rischio di trombosi : quello sull’usodell’Eparina e degli steroidi coordinato dal prof.Massimo Girardis direttore dell’Anestesia e Rianimazione 1 del Policlinico e quellosull’Enoxaparina, coordinato dott. Marco Marietta, Responsabile della Struttura Semplice di Malattie della Coagulazione, attiva all’interno della Struttura Complessa di Ematologia del Policlinico, diretta dal prof. Mario Luppi.
26/05/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Da uno studio modenese, una speranza per nuove e più efficaci terapie contro il carcinoma polmonare non a piccole cellule

Una scoperta dei ricercatori della Struttura Complessa di Chirurgia Toracica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, diretta dal professor Uliano Morandi di Unimore, e dei colleghi del Laboratorio di Terapie cellulari, diretto dal professor Massimo Dominici di Unimore. Lo studio, prima autrice la dottoressa Beatrice Aramini, pubblicato sulla rivista scientifica Oncotarget.
20/05/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Sperimentazione Tocilizumab - Analisi preliminari sui dati

Sono positivi i riscontri che si hanno dalle analisi preliminari relative allo studio clinico di Fase 2 del Tocilizumab, il farmaco specifico per artrite reumatoide, sperimentato nel contrasto a COVID-19 presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena e l’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia. Le speranze sono legittimate, soprattutto dai risultati di letalità a 30 giorni conriduzione della mortalità senza effetti collaterali significativi sui pazienti.
19/05/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Azioni sul documento

pubblicato il 2010/09/10 15:10:00 GMT+1 ultima modifica 2019-10-31T14:16:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?