Seguici su

Alle Regioni altri 400 milioni di euro per le spese Covid e quelle energetiche degli ospedali

Donini: “Un passo avanti importante, grazie al Governo. Ma tutte continuiamo a chiedere che le spese sostenute per l’emergenza pandemica vengano interamente coperte dallo Stato”

Seconda di due tranche: la prima, sempre di 400 milioni, a valere sul 2021 e la seconda per coprire i costi della quarta ondata. Nella prima tranche previsti 30 milioni di euro all’Emilia-Romagna, da quantificare quelli della seconda

Bologna – Alle Regioni 800 milioni di euro per sostenere le spese Covid. Dopo il via libera della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni alla proposta di ripartire il contributo statale di 400 milioni per la copertura delle spese sanitarie legate alla pandemia nel 2021, è di oggi la notizia di altri 400 milioni di euro che il Governo si appresta a stanziare per le spese Covid sostenute dalle Regioni per fronteggiare la quarta ondata e l'aumento della bolletta energetica per le strutture sanitarie.

Nel riparto, che sarà formalizzato con un emendamento al Dl Sostegni ter, sono previsti 30 milioni di euro per l’Emilia-Romagna, mentre resta ancora da definire l’importo, in arrivo qui, di questi nuovi 400 milioni.

“Un primo passo importante di cui siamo soddisfatti- commenta Raffaele Donini, assessore alle Politiche per la Salute e coordinatore della commissione Salute della Conferenza delle Regioni-. ringraziamo il Governo e il ministro Speranza, a cui avevo scritto e che ieri ha incontrato il presidente Bonaccini, per questa ulteriore tranche di 400 milioni di euro a sostegno delle spese Covid. Resta però la convinzione delle Regioni sul fatto che la spese Covid debbano essere pienamente a carico dello Stato e che quelle sostenute dalle Regioni debbano essere coperte per intero. Siamo certi che il lavoro fatto finora insieme possa proseguire per arrivare a centrare anche questo obiettivo. Per non mettere in difficoltà la sanità pubblica, chiamata tuttora a fronteggiare l’emergenza sanitaria e a recuperare le prestazioni arretrate, a partire dalle liste d’attesa, un dovere nei confronti dei cittadini, soprattutto i più fragili”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/02/21 10:01:00 GMT+1 ultima modifica 2022-02-21T10:02:51+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?