Seguici su

Sicurezza sul lavoro, rinnovato il Protocollo Quadro di Intesa per il settore artigianato

Stamattina la firma tra Regione, Opra ed Eber

L’intesa, della durata di cinque anni, coinvolge tutti i soggetti del settore artigianale e punta ad ottenere maggiore consapevolezza dei rischi e delle conseguenze del mancato rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro

Bologna, 8 giugno 2022 – Rinnovato, con la firma di questa mattina in viale Aldo Moro a Bologna, il Protocollo Quadro di Intesa sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori dell’artigianato.

A siglarlo la Regione Emilia-Romagna, OPRA Emilia-Romagna (Organismo Paritetico Regionale per l’Artigianato) ed EBER (Ente bilaterale Emilia-Romagna); di durata quinquennale, l’accordo rientra nell’ambito del Piano Regionale della Prevenzione 2021-2025 (PRP), lo strumento di riferimento per le politiche regionali finalizzate alla salvaguardia della salute dei cittadini e alla promozione di buone pratiche di prevenzione.

Il protocollo, trasversale rispetto ai diversi programmi del Piano, intende rafforzare, attraverso l’azione del Comitato Regionale di Coordinamento - composto da rappresentanti delle istituzioni e degli enti e associazioni datoriali e sindacali che si occupano a vario titolo di sicurezza e prevenzione sui luoghi di lavoro – il coordinamento tra istituzioni e partenariato economico e sociale: obiettivo comune è quello di assicurare la promozione di programmi di prevenzione diretti ai lavoratori e alle imprese artigiane. Con lo scopo di rafforzare, grazie alla sinergia di tutti i soggetti coinvolti, l’informazione e la consapevolezza dei rischi e delle conseguenze del mancato rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro.

A firmare il documento l’assessore alla Politiche per la salute, Adonella Monari, presidente di OPRA e Barbara Maccato, presidente di EBER.

Per l'assessore regionale il Protocollo rinnovato oggi è un esempio virtuoso di come il raggiungimento degli obiettivi sanitari si possa e si debba ottenere grazie al contributo di tutti i soggetti coinvolti, in un’ottica di collaborazione. Questo approccio intersettoriale aumenta l’efficacia delle politiche sanitarie e aiuta a considerare la riduzione del rischio di incidenti sul lavoro e l’insorgere di malattie professionali un compito condiviso. Un metodo che si basa sulla partecipazione è decisivo per favorire la crescita di una cultura della sicurezza sul lavoro.

Gli impegni previsti

I firmatari, all’interno del Comitato Regionale di Coordinamento si impegnano a favorire azioni di supporto ai lavoratori, alle imprese artigiane e ai rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza aziendali (Rsl)  e territoriali (Rlst) dirette a realizzare i programmi del Piano regionale di prevenzione 2021-2025. Molteplici le finalità: tutelare e promuovere la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro; prevenire gli infortuni e le malattie professionali per comparto produttivo e per tipo di rischio; attuare i progetti del PRP indirizzati alla promozione della salute e all’invecchiamento attivo al lavoro; realizzare piani mirati di prevenzione che riguarderanno anche la sicurezza di macchine, attrezzature, impianti e trasporti professionali e non professionali; riservare attenzione alla salute e alla sicurezza in ambito scolastico, dedicando particolare impegno alla formazione e alla sicurezza degli studenti, soprattutto nei Percorsi per le Competenze trasversali per l’orientamento (ex alternanza scuola/lavoro).   

Il protocollo prevede il supporto a programmi di formazione sul ruolo dei rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza e per la Sicurezza territoriali nell’ambito della bilateralità del settore artigiano, in particolare a definire azioni comuni di informazione e formazione dirette ai Coordinatori dell’Artigianato (OPTA) e agli Rlst dell’OPRA.

Nel documento anche l’impegno a programmare e sostenere, a livello locale, iniziative di diffusione della cultura della legalità, della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro.

In considerazione dei risultati positivi raggiunti con i prodotti informativi riuniti nella raccolta “Impresa sicura”, i sottoscrittori si impegnano a proseguire la collaborazione finalizzata all’aggiornamento o alla realizzazione di nuovi materiali diretti alla promozione della cultura della sicurezza e a favorire la loro diffusione. 

L’accordo istituisce, all’interno del Comitato Regionale di Coordinamento, un Gruppo di Coordinamento, composto sulla base delle designazioni espresse dai firmatari, che dovrà programmare le attività e monitorare la loro realizzazione.  

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/09 11:15:00 GMT+2 ultima modifica 2022-06-10T14:06:14+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?