Seguici su

Fecondazione eterologa

Fecondazione eterologa

Che cos’è

La fecondazione eterologa è una delle diverse forme di procreazione medicalmente assistita. Si ricorre a questa tecnica quando uno dei due genitori è sterile e, per arrivare a una gravidanza, occorre usare un gamete di un donatore.

La legislazione

Fino al 2004 nel nostro paese era possibile accedere alla fecondazione eterologa. La legge 40/2004 aveva introdotto un divieto, cancellato dalla sentenza della Corte Costituzionale n.162/2014. Le Linee guida della L.40/2004 emanate dal Ministero nel luglio 2015 hanno recepito la sentenza rendendo nuovamente possibile accedere alla fecondazione eterologa anche in Italia.

Come funziona

Oggi per accedere alla fecondazione eterologa è necessario essere maggiorenni e sposati o conviventi in modo stabile. L’accesso a questa tecnica è gratuita o con ticket per le donne riceventi fino a 46 anni e per un massimo di 6 cicli (DGR 916/2018).

Le tecniche utilizzate sono le stesse della procreazione medicalmente assistita omologa e vanno da quelle di primo livello (inserimento nella cavità uterina del liquido seminale) a quelle di secondo e terzo livello, tra cui la Fivet (fecondazione in laboratorio e successivo impianto degli embrioni, fino a tre) e l’Icsi (inserimento di un singolo spermatozoo nell’ovocita).

Le linee guida

Le linee guida per la fecondazione eterologa raccomandano che le caratteristiche fenotipiche del donatore – ad esempio il colore della pelle – siano compatibili con quelle dei familiari, ma non è possibile scegliere il colore degli occhi o dei capelli del nascituro a proprio piacimento.
 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/12/29 15:41:00 GMT+2 ultima modifica 2021-01-20T11:40:21+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?