Seguici su

Conclusa la visita in Emilia-Romagna dell’’Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l’adozione di altre misure di contrasto alla pandemia’

Allestiti quasi 400 posti di terapia intensiva e subintensiva

Oggi l’incontro tra il presidente della Regione, l’assessore alle politiche per la Salute e, in videocollegamento, il generale Petroni.

La delegazione, composta da sei ufficiali dell’Esercito, ha fatto tappa a Parma, Reggio Emilia, Rimini, Ferrara e Bologna, dove ha potuto verificare lo stato di avanzamento del Piano regionale: terapie intensive, 19 interventi in Pronto soccorso conclusi, 17 nuove ambulanze acquisite

Bologna, 19 maggio 2022- Si è conclusa questa mattina all’Ircss Policlinico Sant’Orsola di Bologna la tre giorni di visita in Emilia-Romagna della delegazione dell’’Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l'adozione di altre misure di contrasto alla pandemia’, composta da sei ufficiali dell’Esercito.

L’Unità ha raccolto il testimone dalla Struttura commissariale dallo scorso primo aprile, con l’obiettivo di guidare questa fase di transizione fino alla fine del 2022, quando le competenze torneranno in carico al ministero della Salute.

E intanto, proprio per fare il punto sullo stato di avanzamento della riorganizzazione e sull’utilizzo delle risorse messe a disposizione per questo scopo dalla Struttura commissariale, l’Unità sta visitando vari ospedali di tutte le regioni.

Iniziato martedì 17 all’ospedale di Parma, il ‘viaggio’ in Emilia-Romagna ha fatto tappa successivamente a Reggio Emilia, Rimini, Ferrara e Bologna.

Oggi pomeriggio la delegazione è stata ricevuta in Regione dal presidente e dall’assessore alle Politiche per la salute. In collegamento, il direttore dell’’Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l'adozione di altre misure di contrasto alla pandemia’, generale Tommaso Petroni.

In questi giorni è stato possibile mostrare gli interventi realizzati dalla Regione insieme alle Aziende sanitarie e ospedaliere per rispondere alla crisi pandemica, dando prova di resilienza e di buona organizzazione del sistema sanitario pubblico e universalistico, grazie alla professionalità, generosità, umanità dei professionisti sanitari e all’unità delle istituzioni. Aver interpretato in maniera adeguata la vaccinazione sotto la direzione della Struttura commissariale ha consentito all’Emilia-Romagna, anche nei momenti in cui la circolazione del virus è stata particolarmente alta, di non mandare in crisi la rete ospedaliera, che ora è pronta a guardare avanti con fiducia e a farsi carico delle sfide della sanità post Covid.
 

Il punto della situazione in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna al 30 aprile scorso sono stati allestiti 165 nuovi posti in terapia intensiva e 230 in terapia subintensiva, per un investimento complessivo di quasi 68,9 milioni di euro, portato a termine nonostante le inevitabili difficoltà legate all’emergenza sanitaria.

Sul fronte dei Pronto soccorso si sono conclusi 19 interventi, uno è di imminente conclusione e per altri 25 i lavori sono in corso.

Gli interventi sono stati caratterizzati dall’ampliamento degli spazi con nuovi ambienti o dalla riorganizzazione degli esistenti, volti a creare percorsi differenziati per pazienti Covid. Alla fine di questa fase si sarà intervenuto su oltre 26mila metri quadri di strutture, con un investimento di 52,5 milioni di euro. Infine, la Regione si è dotata di 17 nuove ambulanze attrezzate per trasportare pazienti infetti.

Riguardo alla campagna di vaccinazione, l’Emilia-Romagna è una delle regioni che continua a vaccinare di più: ad oggi il 94,3% degli over 12 è stato vaccinato con ciclo completo, e sono già state somministrare quasi 2.900.000 dosi aggiuntive.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/05/20 09:31:55 GMT+2 ultima modifica 2022-05-20T09:31:55+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?