Seguici su

Animali da compagnia

La cura dei cani, dei gatti e di altri animali da compagnia è una precisa responsabilità di ciascuno. Per altro, il maltrattamento o l’abbandono degli animali sono puniti dal codice penale e le relative pene possono prevedere anche il carcere. La legge vieta l’utilizzo di cani e gatti per il confezionamento e la commercializzazione di pelli e pellicce.

Il controllo sanitario

Sono i Servizi veterinari delle Aziende Usl ad occuparsi del controllo sanitario degli animali dei cani e dei gatti ospitati nei canili e gattili municipali, effettuando controlli delle malattie infettive e in particolare della prevenzione delle zoonosi e interventi di profilassi , concordati con il veterinario che lavora nella struttura, e del benessere degli animali.
I controlli dei Servizi veterinari riguardano anche gli alimenti industriali – pet food - destinati a cani e gatti: le ditte produttrici sono sottoposte a ispezioni e verifiche. Inoltre le farine animali che vengono utilizzate in questi alimenti sono ricavate da carni che hanno ricevuto l'autorizzazione sanitaria anche per l'alimentazione umana.
I Servizi veterinari delle Aziende Usl collaborano poi con le associazioni animaliste per le sterilizzazioni dei cani ospitati nei canile e dei gatti che vivono nelle colonie feline.
Ai Servizi veterinari ci si deve rivolgere nei casi in cui un cane abbia morso una persona: l’animale è soggetto, in base alla normativa regionale, alla profilassi della rabbia (malattia presente nelle Regioni nord orientali italiane).

L’anagrafe canina

In ogni Comune è istituita l’”anagrafe canina”, a cui ogni cittadino deve rivolgersi per la registrazione del proprio cane e per i gatti e i furetti che vengono portati all’estero. Al momento dell’iscrizione viene consegnato un microchip, una piccola capsula sterile non irritante per la cute dell’animale che contiene un numero/codice. Il microchip viene inserito sotto la cute del cane da un medico veterinario. Il numero/codice viene poi registrato in una banca dati regionale che scarica poi tutti i dati nella banca dati nazionale presso il Ministero della Salute.

Per informazioni e approfondimenti consulta il sito: L'anagrafe canina dell'Emilia-Romagna  


Animali da compagnia in viaggio, il passaporto, le vaccinazioni

Con regolamento comunitario è stato introdotto il "pet passport", il passaporto per cani, gatti e per i furetti che viaggiano con il proprietario negli Stati dell'Unione europea. Il documento è obbligatorio e contiene una sezione anagrafica e una parte sanitaria che contiene la vaccinazione antirabbica , eventuali esami clinici e trattamenti terapeutici. Il “pet passport” ha l'obiettivo di garantire una maggiore sicurezza contro i rischi sanitari legati alla circolazione degli animali da compagnia, in particolare rispetto alla rabbia.
Il "pet passport" viene rilasciato dai Servizi veterinari delle Aziende Usl. Nel caso dei cani, il proprietario dovrà presentare il certificato di iscrizione all'anagrafe canina. Per gatti e furetti la procedura prevede l'identificazione con microchip e l'iscrizione all'anagrafe canina del proprio Comune, esattamente come per i cani.

Per i cani , gatti e furetti che vengono portati all’estero o in alcune Regioni del Nord Italia è obbligatoria la vaccinazione antirabbica che deve essere effettuata da un veterinario libero professionista e attestata dal Servizio veterinario dell’Azienda Usl sul passaporto.

Dove ottenere il passaporto per cani, gatti e furetti

Parere su segnalazione di inconvenienti igienico-sanitari che coinvolgono animali

Controllo sanitario su animali che hanno morso persone

Parere per l'autorizzazione alle esposizioni di animali in fiere e in manifestazioni

    Valuta il sito

    Non hai trovato quello che cerchi ?