Seguici su

Tutte le notizie

Covid19, Montecatone “chiude” il reparto

Da questa mattina il reparto secondo post acuti del Montecatone Rehabilitation Institute, area ove erano stati trasferiti temporaneamente gli ospiti Covid19 positivi, riprenderà l’accettazione di Pazienti in modo progressivo.
16/06/2020 — (Fonte: Istituto di Montecatone)

L'OsCo di Comacchio Covid Free

Dimessi tutti i pazienti Covid-19 e, dopo i necessari interventi di sanificazione, da mercoledì 10 giugno sono ripartiti i ricoveri all’OsCo della Casa della Salute di Comacchio per i pazienti negativi al Covid
11/06/2020 — (Fonte: Azienda USL di Ferrara)

IRST in un consorzio europeo per la messa a punto di terapie cellulari contro il Covid

Tra i centri del consorzio che vede realtà spagnole, francesi ed italiane (oltre all'Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS di Meldola anche l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano). Ambizioso l'obiettivo: comprendere la risposta dei linfociti T all’infezione da nuovo coronavirus e modificarli con tecniche di ingegneria cellulare per aiutarli a sconfiggere SARS-CoV-2. Notevoli i risvolti per i pazienti oncologici, una fascia duramente colpita dall'infezione. In più, lo sviluppo di terapie cellulari anti-Covid-19 getterà le basi per approcci terapeutici di tipo cellulare che utilizzino l’ingegneria genetica a scopo terapeutico proprio contro il cancro.
10/06/2020 — (Fonte: Istituto Tumori Romagna (IRST) IRCCS)

Barriere di plexiglass per il Poliambulatorio di Neurologia dell’Ospedale Civile

Due barriere in plexiglass sono state donate dalla ditta Motta Serramenti di Cavezzo al front office del Poliambulatorio 1 dell’Ospedale Civile di Baggiovara, dove il personale infermieristico accogli dove si svolgono la maggior parte delle visite e diagnostiche per i pazienti esterni della Neurologia. Una delle barriere è stata installata per il front office infermieristico, l’altra per l'ambulatorio di logopedia.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Italpizza sostiene gli ospedali modenesi

Italpizza vicina agli ospedali modenesi. In queste settimane, infatti, l’azienda ha donato oltre 2.000 pizze ai sanitari impegnati nella lotta al COVID19. La prima consegna è stata fatta il 17 aprile scorso. Puntualissime, le altre donazioni sono state consegnate il 27 aprile, il 6, il 12, il 19 e il 27 maggio. Le pizze sono state distribuite dalla Direzione Servizi per l’Ospitalità dell’AOU di Modena ai sanitari.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Marcatori predittivi della malattia COVID, due studi di UNIMORE pubblicati su Critical Review in Laboratory Sciences e su Medical Hypothesis

È possibile identificare quali possono essere i pazienti maggiormente a rischio di sviluppare la forma più severa di complicanze da COVID19? I ricercatori della Patologia Clinica di UNIMORE, guidata dal prof. Aldo Tomasi, hanno studiato le potenzialità dell’Omocisteina quale marcatore predittivo di malattia Covid severa
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Danni polmonari da fumo di Cannabis studio Unimore e Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena

Il fumo di Cannabis crea danni polmonari simili a quelli provocati dal tabacco, ma in un tempo decisamente inferiore, è quanto è emerso da uno studio condotto dai ricercatori di Unimore e dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena. L'aspetto che maggiormente preoccupa è che i pazienti sono giovani. Alla guida della ricerca il prof. Alessandro Stefani di Unimore e la dott.ssa Simona Guerzoni dell'AOU di Modena.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Porfiria, farmaco innovativo all'AOU di Modena

Il Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e la Cura della Porfirie, afferente all'UO di Medicina Interna diretta dal prof. Antonello Pietrangelo, ha ricevuto l'autorizzazione da parte di AIFA l'autorizzazione a sperimentare Givosiran (Givlaari®) per un giovane paziente affetto da una forma particolarmente grave di Porfiria Acuta Intermittente, una malattia rara, ereditaria, del fegato, la forma più comune (circa l'80% dei casi) di porfiria epatica acuta. Il farmaco è stato somministrato a un paziente di origini marocchine di 12 anni, nato e residente nella nostra provincia. Il Centro Porfirie dell'AOU di Modena è l'unico in Italia a partecipare alla sperimentazione di fase tre del farmaco, cominciata due anni fa e che finirà entro il 2020. Ad oggi, al Policlinico, sono stati trattati 6 pazienti con questo farmaco con risultati assolutamente eccellenti in termini di efficacia e di tollerabilità.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Hub nazionale terapie intensive: cominciano i lavori al Policlinico di Modena

Proseguono i lavori per la realizzazione dei nuovi reparti di Terapia Intensiva che vede l'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modenaparte dell'HUB nazionaleche verrà realizzato per l'emergenza COVID . Mentre la struttura da 18 posti realizzata nei pressi dell'Ospedale Civile è ormai compiuta, mercoledì 3 giugno cominceranno i lavori per quella da 30 posti letti che sorgerà a fianco della Chiesa del Policlinico, sul lato di via Campi e che sarà pronta entro fine di luglio.
08/06/2020 — (Fonte: Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena)

Azioni sul documento

pubblicato il 2010/05/26 15:28:00 GMT+2 ultima modifica 2019-10-31T14:51:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?